Commenta

Ponte sul Po:
la Provincia di Parma
risponde al comitato TPT

"L'installazione degli autovelox si sta valutando con la Provincia di Cremona", mentre "per il sistema di accertamento dei pesi si sta aspettando il risultato dell’analisi affidata all’Università di Parma".

Non si è fatta attendere la risposta alla lettera indirizzata dal Comitato TrenoPonteTangenziale ai due presidenti delle Provincie di Cremona e Parma e al Ministero delle Infrastrutture Danilo Toninelli nella giornata di ieri. Infatti, il comitato aveva inviato un messaggio alle istituzioni nel quale aveva chiesto di tenere alta la guardia sulla manutenzione del ponte Casalmaggiore-Colorno, in particolare di rispettare le ordinanze sul controllo della velocità dei veicoli e la portata dei carichi degli automezzi pesanti. La replica è stata affidata alla Provincia di Parma la quale, in un comunicato, risponde alle richieste espresse dall’organizzazione.

L’ordinanza relativa ai limiti di velocità e di peso sul ponte sul Po di Colorno – Casalmaggiore – si legge nella nota – è stata regolarmente pubblicata sulla pagina istituzionale dell’Ente dal 5 giugno. Il contenuto del testo è disponibile sulla home page del sito nel testo del comunicato stampa relativo alla riapertura del ponte”, riportando il link di accesso alla pagina.

Sulla richiesta del Comitato TPT di installare strumenti di controllo della velocità – come gli autovelox -, la Provincia di Parma risponde  come essa “sta valutando, d’intesa con la Provincia di Cremona, l’opportunità di installare, previa autorizzazione prefettizia,  sistemi di rilevazione automatici della velocità che consentano l’erogazione di sanzioni in caso di infrazione”.

Infine, sulla possibilità di posizionare dei sensori per la rilevazione del peso dei veicoli in transito sul ponte, la Provincia di Parma spiega come bisogna attendere una risposta dall’Università della città. Quest’ultima “sta lavorando da tempo per esaminare varie soluzioni progettuali e individuare quella più efficace per l’accertamento dei pesi dei veicoli che transitano sul ponte, a seguito di specifico incarico, affidato già da tempo dalla Provincia di Parma”, spiega l’ente parmigiano. “Non appena l’Università consegnerà il risultato dell’analisi, potrà partire la procedura di gara”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti