Commenta

Mattarella scioglie il consiglio
comunale di Viadana: ordinaria
amministrazione fino al 2020

Il documento più importante era giunto da Roma recante la data del 4 giugno: il consiglio comunale di Viadana, dopo la morte del sindaco Giovanni Cavatorta, è ufficialmente sciolto. A decidere e firmare il decreto è stato il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

VIADANA – La notizia è stata ratificata ai consiglieri mediante una missiva firmata dal vicesindaco Alessandro Cavallari nella giornata di venerdì. Ma il documento più importante era giunto da Roma recante la data del 4 giugno: il consiglio comunale di Viadana, dopo la morte del sindaco Giovanni Cavatorta, è ufficialmente sciolto. A decidere e firmare il decreto è stato il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che ha inviato poi il documento proprio al comune di Viadana, da prassi in caso di decesso da parte del primo cittadino.

Cosa cambia a questo punto? Di fatto poco: per l’articolo 53 comma 1 del Testo Unico degli Enti Locali giunta e consiglio comunale, guidati dal vicesindaco Cavallari, restano in carico fino alla primavera 2020, data delle nuove elezioni, che non saranno anticipate, dato che la naturale scadenza del mandato era comunque fissata a Viadana proprio nel 2020. E’ chiaro però che giunta e consiglio, essendo ufficialmente sciolti, potranno occuparsi solo dell’ordinaria amministrazione. Poi dalla prossima primavera, con le Amministrative, si passerà al rinnovo delle stesse.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti