Commenta

Aler Cremona, gli impegni
nel medio e breve periodo
in provincia (e anche nel Casalasco)

Erano presenti il Presidente dell’Azienda Lombarda per l’Edilizia Residenziale, Albano Bianco Bertoldo e il Direttore Generale Cav. Dr. Corrado Della Torre che hanno presentato il nuovo dirigente dell’uog di Cremona ing. Luca Rocchetti che succede all’Ing. Maurizio Boldori.

Nel corso della conferenza stampa di lunedì nella sede Aler di Cremona, erano presenti il Presidente dell’Azienda Lombarda per l’Edilizia Residenziale, Albano Bianco Bertoldo e il Direttore Generale Cav. Dr. Corrado Della Torre che hanno presentato il nuovo dirigente dell’uog di Cremona ing. Luca Rocchetti che succede all’Ing. Maurizio Boldori. Rocchetti, come si può leggere nel suo curriculum, ha una decennale esperienza in ambito ERP presso l’ALER di Lodi e poi di Pavia-Lodi.

Nel suo intervento ha fatto accenno agli elementi di conoscenza in ordine all’azienda ALER BCM acquisiti in questi primi mesi di direzione della UOG di Mantova ed alle informazioni su ALER di Cremona e ha tracciato i principali impegni di breve e medio periodo:

[ ] prosecuzione e consolidamento dei rapporti di collaborazione con le amm.ni comunali a partire dai Comuni ove è ubicato un patrimonio significativo di unità immobiliari di edilizia residenziale pubblica;

[ ] attuazione dei programmi di intervento finalizzati al recupero di alloggi non assegnabili per carenze manutentive.

Segue una tabella riepilogativa della programmazione triennale 2019/21

[ ] focus sulle nuove modalità di assegnazione con attenzione agli aspetti organizzativi: è stato fatto un accenno al nuovo regolamento regionale che disciplina la programmazione dell’offerta abitativa pubblica e sociale e l’accesso e la permanenza nei servizi abitativi pubblici. (nuove modalità di programmazione per ambiti di zona coincidenti con quelli dei servizi socio-sanitari, nuove modalità di presentazione delle domande da parte del cittadino attraverso l’utilizzo di una piattaforma telematica, nuove modalità di formazione delle graduatorie e di assegnazione, …)

In particolare ha messo in rilievo la portata innovativa della riforma regionale che affida ad una piattaforma telematica la gestione delle modalità di accesso ai servizi abitativi e che, come ogni cambiamento radicale, desta apprensione negli addetti ai lavori comportando modifiche organizzative sostanziali.

Seguono i dati di ALER – UOG di Cremona ai comuni capofila dei tre ambiti di zona dai quali si evince che nei prossimi avvisi (apertura prevista entro l’anno) l’ALER – UOG di Cremona metterà in assegnazione 167 alloggi.

L’Assemblea dei Sindaci in data 9/5/2019 ha approvato il Piano Annuale. La pubblicazione dell’Avviso è prevista intorno al 15 Luglio con scadenza 15 Settembre.

L’Assemblea dei Sindaci si è riunita il 25/6/2019 per l’approvazione del Piano Annuale. Indicativamente l’Avviso verrà aperto a fine Luglio e terminerà a Settembre.

L’Assemblea dei Sindaci con delibera n.14 del 13/5/2019 ha approvato “all’unanimità la pubblicazione in autunno 2019 del bando pubblico”.

TOTALE IN ASSEGNAZIONE         167

impegni a medio termine:

[ ] miglioramento del servizio attraverso:

[ ] incremento capacità di risposta alla domanda abitativa: riduzione sfittanza attraverso recupero risorse da piani di valorizzazione e dismissione, introduzione dell’assegnazione degli alloggi nello stato di fatto (leggasi “automanutenzione”) che verrà avviata in via sperimentale preso la UOG di Mantova, intercettazione di tutti i possibili canali di finanziamento pubblico

[ ] migliorare l’accoglienza del pubblico ed il benessere lavorativo del personale: rivedere la gestione del front office attraverso una riorganizzazione del sistema di ricevimento del pubblico e quello di evasione delle istanze telefoniche, cercando di migliorare la qualità del servizio percepita dall’utente cercando nel contempo di limitare, per quanto possibile, la discontinuità delle attività di back office generate dall’afflusso del pubblico.

[ ] recupero efficienza attraverso un riesame dei processi aziendali: da tradurre in semplificazione, analisi dei processi che portino ad una maggiore definizioni dei ruoli e delle competenze ed a sciogliere i nodi che di volta in volta si generarono nelle interferenze fra i vari uffici

[ ] collaborare costruttivamente all’ottimizzazione del processo di accorpamento con le altre UOG aziendali al fine di superare le persistenti differenze metodologiche uniformando i processi sulla base delle best practises aziendali.

redazione@oglioponews.it

 

© Riproduzione riservata
Commenti