Commenta

A Martignana il compleanno
di Viola: gli ultimi B898 della
storia di questa terra depressa

MARTIGNANA PO – Non è stato un compleanno come gli altri quello che si è festeggiato ieri in serata al park lago di Martignana Po, nell’area Chiarini, un piccolo pezzo di paradiso disperso nella campagna. Non avrebbe potuto esserlo perché – nonostante il clima di festa – c’era una piccola nota malinconica.

A compiere un anno di vita la piccola Viola Grossi, figlia di Giuseppe Grossi e Mimma Prete. Insieme a lei tante altre famiglie con una particolarità: sono tutte – Viola compresa – tra le ultime nate del Punto Nascita Oglio Po prima che venisse chiuso. Gli ultimi segni di vita laddove la vita ormai, dal 30 ottobre scorso, non viene più al mondo.

Si è fatto festa con tanti piccoli sorridenti e tanti genitori (che comunicano tra loro e sono in contatto tramite WhatsApp) felici. Erano stati invitati in tantissimi, non tutti hanno potuto partecipare tra pizzette, focacce farcite, birra, e pappe o biberon.

“Qui ci sono gli ultimi nati dell’Oglio Po” ci ha fatto notare una mamma con un po’ di nostalgia. Ora si nasce lontano ma sembra un problema di cui frega poco o nulla a nessuno. Distante la politica, distante la Regione, distante lo stato nonostante tanti proclami e tanti onanismi da articolo di giornale con interessamento di ministri e ministeri. Distante la lotta, quella che da altre parti ha funzionato ed ha fatto riaprire reparti nelle stesse condizioni di Oglio Po. Distante tanta gente comune che sembra avere accettato tutto.

Non resta allora che accettare quella piccola nota malinconica e fissare gli ultimi nati in una foto ricordo. In fondo, quelle piccole testoline che sbucano tra quelle dei loro genitori sono gli ultimi B898 della storia di questa dannatissima terra spaccata, divisa, senza memoria e senza neppure più la capacità di lottare per quel che è giusto, non rappresentata, presa in giro e infine uccellata da tante promesse per la maggior parte non mantenute. Questa terra ai confini del nulla.

Nazzareno Condina

© Riproduzione riservata
Commenti