Commenta

Alla contrada San Giuseppe
la 53esima edizione
del palio di Isola Dovarese

Un paese di 1.100 abitanti, grazie alla cura dei dettagli e alla quantità di comparse presenti, attira ogni anno 14.000 visitatori e dà vita ad una manifestazione che è risultata 2^ in Lombardia e 7^ in Italia secondo il Bando sul fondo nazionale.

ISOLA DOVARESE – E’ la contrada San Giuseppe ad aggiudicarsi la 53esima edizione del palio di Isola Dovarese, a conclusione di tre giorni che hanno consentito al paese sull’Oglio e ai visitatori di respirare la magica atmosfera rinascimentale. La contrada San Giuseppe si è aggiudicata il gioco del màgher,  arrivando a 16 punti, a pari merito con Le Gerre e seguita da San Bernardino, 12 e Porta Tenca, 10. Il pomeriggio si era aperto con i cortei di dame e cavalieri vestiti dei loro abiti più belli per la visita della famiglia Gonzaga e proseguito con canti, balli e quindi le varie sfide. Gran finale con la magia dei fuochi ad illuminare il cielo dell’Isola.

La grande competizione tra le quattro contrade che si sfidano nelle tradizionali gare alla conquista del trofeo e del Favete Linguis, con il premio per la contrada che ha raggiunto la ricostruzione storica perfetta, in un crescendo di tensione competitiva che gli isolani vivono con particolare intensità. Danze, bandiere, giochi di fuoco, musica dal vivo su piazza e nelle taverne delle quattro contrade, teatro, effetti scenotecnici, sapori rigorosamente precedenti alla scoperta dell’America, illuminazione a fuoco, un mercato medievale curato e rigoroso sono gli ingredienti di un’esperienza che richiama ormai pubblico da tutto il centro e il nord Italia alla scoperta di sempre nuovi spettacoli e invenzioni: un paese di 1.100 abitanti, grazie alla cura dei dettagli e alla quantità di comparse presenti, attira ogni anno 14.000 visitatori e dà vita ad una manifestazione che è risultata 2^ in Lombardia e 7^ in Italia secondo il Bando sul fondo nazionale per la rievocazione storica 2018, giocandosela alla pari con città come Brescia, Ferrara e Bevagna.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti