Commenta

Canneto piange Daniela Carpen,
61 anni: una delle prime
donne presidente nel calcio

I funerali saranno celebrati lunedì alle ore 15 con partenza da via Pertini fino alla chiesa parrocchiale. Le offerte in memoria di Daniela saranno tutte devolute dalla famiglia alla Cannetese e all’Associazione Giramondo.

CANNETO SULL’OGLIO – Proprio nel periodo in cui il calcio femminile prova a decollare, grazie anche alla prova della Nazionale Italiana di Milena Bertolini agli ultimi Mondiali, Canneto sull’Oglio piange una delle prime donne a diventare presidente di una squadra di calcio: si è spenta infatti, dopo una lunga malattia, Daniela Carpen, 61 anni. Oltre a prestare il suo servizio da volontaria (come presidente, ma anche in altri ruoli, come ad esempio quello di cassiera) per la Cannetese, faceva parte dell’Associazione Giramondo, legata all’infanzia e all’organizzazione dei doposcuola.

Come riporta la Gazzetta di Mantova, la donna era riuscita a portare avanti la famiglia negli ultimi vent’anni da sola, dopo la tragedia che la colpì, strappando alla vita il marito Cesare Caprini, vittima di un sinistro stradale a Breda Cisoni nel novembre 1999. L’anno dopo, anche in memoria del marito che era tifoso della Cannetese, Daniela era entrata a fare parte del mondo rossoblu, divenendo presidente della società nel 2005. Un club che, nonostante da diversi anni sia finito in Terza categoria, non ha mai mollato dal punto di vista della preparazione del settore giovanile e della Scuola Calcio, con una missione dunque soprattutto sociale.

A piangerla sono la figlia Elena e il fratello Gianni. I funerali saranno celebrati lunedì alle ore 15 con partenza dall’abitazione di via Pertini, 14 fino alla chiesa parrocchiale. La salma sarà poi cremata, rispettando le volontà della donna, a Cremona. Le offerte in memoria di Daniela saranno tutte devolute dalla famiglia alla Cannetese e all’Associazione Giramondo.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti