Commenta

Gussola: iniziativa per 'no
slot', fasce deboli, giovani coppie
e nuova imprenditoria locale

L’intervento è stato deliberato dalla Giunta comunale, il bando sarà presto disponibile presso gli uffici o sul sito internet e comprenderà tutte le informazioni necessarie per formulare la domanda. L’iniziativa è in continuità con quella dell’anno precedente

GUSSOLA – Stop al gioco d’azzardo, incentivi a fasce deboli, giovani coppie, associazioni no profit. Questo quanto deciso dalla giunta gussolese utilizzando lo strumento della TARI. “Nell’ambito di quelle che sono le iniziative di carattere straordinario – spiega il sindaco Stefano Belli Franzini – anche per l’anno 2019 l’Amministrazione ha deliberato una un’iniziativa finalizzata ad erogare incentivi consistenti in riduzione o azzeramento della tassa rifiuti (TARI) dovuta per l’anno 2019. Questo per cercare di avviare una fase di rilancio del nostro piccolo comune”.

Gli scopi principali dell’iniziativa sono fornire un aiuto concreto alle fasce sociali  più deboli, in particolare famiglie a basso reddito e anziani a basso reddito residenti nel comune ed in regola con gli adempimenti tributari, incentivare le giovani coppie a scegliere il nostro comune come luogo di residenza, visti anche i tanti sevizi per le famiglie presenti, incentivare l’apertura di nuove attività commerciali (escludendo le sale gioco), incentivare l’imprenditoria giovanile sempre con esclusione delle sale gioco, premiare chi dismette le slot dai locali esistenti, agevolare le associazioni no profit di utilità sociale, onlus e le associazioni di promozione sociale e culturale.
L’intervento è stato deliberato dalla Giunta comunale,  il bando sarà presto disponibile presso gli uffici o sul sito internet e comprenderà tutte le informazioni necessarie per formulare la domanda. L’iniziativa è in continuità con quella dell’anno precedente e sarà poi associata ad altre eventuali nuove forme di sostegno all’economia locale, nel limite ovviamente delle proprie competenze e possibilità.
redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti