Commenta

Coldiretti: giusta la
scelta dei soci di
Latteria Soresina

“La coesione dell’assemblea è stata un’importante prova di maturità – ha commentato Paolo Voltini, presidente di Coldiretti Cremona e Lombardia – perché dimostra che i soci di Latteria Soresina hanno saputo mettere al primo posto l’interesse della cooperativa"

Si è svolta nel pomeriggio di ieri un’importante assemblea dei soci di Latteria Soresina, chiamati a decidere su un progetto di capitalizzazione della cooperativa con un significativo autofinanziamento da parte degli stessi soci-allevatori. L’assemblea ha approvato il progetto a larghissima maggioranza, dando un segnale di compattezza che alcune voci, circolate nelle ultime settimane, avevano tentato di mettere in dubbio.

“La coesione dell’assemblea è stata un’importante prova di maturità – ha commentato Paolo Voltini, presidente di Coldiretti Cremona e Lombardia – perché dimostra che i soci di Latteria Soresina hanno saputo mettere al primo posto l’interesse della cooperativa, evitando discussioni infinite su ciò che in passato si sarebbe potuto o dovuto fare. Quando arriva il momento di decidere bisogna essere concreti e guardare avanti, e così è stato in questo caso. Ora che è stata approvata questa decisione fondamentale, credo che il confronto con i soci debba proseguire anche sui temi strategici e gestionali che non era possibile approfondire in questa occasione.”

La bassa patrimonializzazione è una caratteristica strutturale delle cooperative che, di conseguenza, vengono penalizzate nelle valutazioni e nei rating del mondo finanziario che usa parametri di giudizio costruiti per le società di capitali. “L’autofinanziamento dei soci di Latteria Soresina – afferma il direttore di Coldiretti Cremona Mauro Donda – oltre a rappresentare una importante leva finanziaria, testimonia la fiducia degli allevatori nella loro cooperativa ed è un bel segnale per le istituzioni, le banche, i fornitori ed i clienti.”

“Coldiretti rappresenta gli interessi dell’agricoltura e dell’agroalimentare – conclude Paolo Voltini – ed anche laddove non veniamo coinvolti nella scelta degli amministratori delle cooperative, siamo sempre pronti a sostenere i progetti che si rendono necessari per il bene dei soci e del settore”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti