Commenta

Coronavirus, i casi accertati
e le precauzioni: la nota stampa
ufficiale dell'Asst Cremona

Per coloro che riscontrino sintomi influenzali o problemi respiratori l’indicazione perentoria è di non recarsi in Pronto Soccorso, ma di contattare direttamente il numero 112 che valuterà ogni singola situazione.

L’OSPEDALE DI CREMONA E’ ATTIVO, GARANTITE TUTTE LE PRESTAZIONI IN URGENZA
L’Ospedale di Cremona è attivo in tutte le sue funzioni e sta garantendo tutte le prestazioni in urgenza. A scopo cautelativo si consiglia ai visitatori di recarsi in Ospedale solo in caso di reale necessità.

DUE I CASI ACCERTATI NEL CREMONESE
Come confermato nella conferenza stampa del primo pomeriggio dall’Assessore Giulio Gallera, sono due i casi di Coronavirus accertati della provincia di Cremona (Comuni di Pizzighettone e Sesto ed Uniti). Attualmente in Ospedale a Cremona sono ricoverati altri tre pazienti provenienti dal lodigiano. I pazienti si trovano presso l’Unità Operativa di Malattie Infettive. Le loro condizioni sono discrete e stabili.

ALLESTITA LA TENDA DA CAMPO PER IL PRE-TRIAGE DI PRONTO SOCCORSO
In collaborazione con la Protezione Civile, davanti all’ingresso principale dell’Ospedale di Cremona è stata allestita una tenda da campo che fungerà da punto di accoglienza (pre-triage di Pronto Soccorso) gestito da operatori sanitari dell’ASST di Cremona. Ciò al fine di potenziare la zona filtro e diversificare correttamente i percorsi di assistenza in sicurezza. Lo stesso è stato fatto all’ospedale Oglio Po di Vicomoscano, come abbiamo riportato in un articolo a parte.

A SCOPO CAUTELATIVO SONO STATE TEMPORANEAMENTE SOSPESE (A DATA DA DEFINIRE) LE SEGUENTI ATTIVITÀ:
·         Lezioni e tirocini dei Corsi di Laurea delle professioni sanitarie
·         Corsi di Formazione Continua
·         Convegni
·         Asilo nido Aziendale
·         Attività ambulatoriale di Pneumologia
·         Attività chirurgica in elezione (Programmata)
·         Attività di Day Surgery

Si ricorda che le norme comportamentali da adottare sono quelle divulgate in questi giorni anche da Regione Lombardia: per coloro che riscontrino sintomi influenzali o problemi respiratori l’indicazione perentoria è di non recarsi in Pronto Soccorso, ma di contattare direttamente il numero 112 che valuterà ogni singola situazione e attiverà percorsi specifici per il trasporto nelle strutture sanitarie preposte. Per le informazioni è attivo a livello nazionale un numero dedicato: 1500. Si invitano i cittadini a dare credito alle sole fonti ufficiali, in questo caso è bene consultare il sito di Regione Lombardia www.regione.lombardia.it o il sito del Ministero della Salute www.salute.gov.it. Un ringraziamento particolarmente sentito dalla Direzione strategica a tutti gli operatori sanitari, tecnici e amministrativi che si stanno prodigando per far fronte alla situazione con professionalità e instancabile dedizione.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti