Salute
Commenta1

Festività pasquali, i Carabinieri di Viadana annunciano controlli ancora più severi sulle strade

Durante le prossime festività Pasquali, aumenteranno gli sforzi profusi dai militari della Compagnia di Viadana per vigilare sui divieti dei movimenti imposti dalle leggi in vigore: infatti si prospetta una Pasqua e una Pasquetta con decine di pattuglie lungo le strade, dalle più trafficate a quelle più isolate in campagna.

Continuano i controlli dei Carabinieri della Compagnia di Viadana relativi alle regole imposte sui divieti di movimento al fine di contenere il contagio del Coronavirus, che, in base alle norme recentemente introdotte, prevedono ora sanzioni amministrative per i trasgressori. Dal 26 marzo scorso infatti scattano adesso multe salate, da 400 a 3000 euro, per chi viola le regole anti contagio, e anche oggi si sono registrate altre sanzioni.

Infatti ci sono ancora alcune persone che girano e si spostano senza un giustificato motivo, da un Comune all’altro, senza una ragione di necessità, in violazione delle norme in vigore: i militari delle Stazioni dipendenti dalla Compagnia hanno contestato diverse violazioni, una decina solo nelle ultime ore. Durante le prossime festività Pasquali, aumenteranno gli sforzi profusi dai militari della Compagnia di Viadana per vigilare sui divieti dei movimenti imposti dalle leggi in vigore: infatti si prospetta una Pasqua e una Pasquetta con decine di pattuglie lungo le strade, dalle più trafficate a quelle più isolate in campagna, dove quale incosciente potrebbe comunque decidere di trascorrere la festività in compagnia di amici o nelle case secondarie.

L’attenzione del Comando Compagnia Carabinieri di Viadana rimarrà quindi alta e costante sull’intero territorio di competenza anche durante le prossime festività al fine di garantire la massima vicinanza al cittadino in questo particolare periodo, procedendo a rigorosi controlli al fine di assicurare che tutti rispettino scrupolosamente le prescrizioni imposte normativamente.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti