Commenta

Parco Oglio Sud:
al via il contest
fotografico a tema naturale

Il Parco Regionale dell'Oglio Sud promuove un'iniziativa votata all'arte ed all'amore per la natura. L'invito è quello di andare a "rovistare" negli archivi di ognuno e trovare un'immagine che possa sintetizzare la bellezza

Il Parco Regionale dell’Oglio Sud promuove un’iniziativa votata all’arte ed all’amore per la natura. L’invito è quello di andare a “rovistare” negli archivi di ognuno e trovare un’immagine che possa sintetizzare la bellezza del paesaggio o del soggetto immortalato, l’identità del territorio e l’emozione dello scatto fotografico. Cercare di catturare il momento in cui tutto si concentra, quando la bellezza ed i contenuti ricercati coesistono in una singola fotografia è arte, è poesia…

“Sei un fotografo? Un naturalista?

O semplicemente appassionato di fotografia?

Noi del Parco Oglio Sud abbiamo pensato a un simpatico contest fotografico per voi e per il nostro pubblico.

Il tema è “il mio Parco”.

Scegliete fra una delle foto per voi più belle e significative di paesaggi, di erbe, piante e animali, ma perché no, anche di ricordi, emozioni, incontri, scattate nel Parco Oglio Sud.

E’ un modo per rimanere vicini al nostro territorio e per far conoscere la sua ricca biodiversità in un momento di esplosione di colori e suoni e vita nuova che si rinnova a ogni primavera.

Inviatecela via mail a educazione.ambientale@ogliosud.it , come messaggio privato sulla nostra pagina Facebook, oppure sul vostro profilo instagram, ricordando di taggare il Parco @parcoogliosud , con #ilmioParco , indicando l’autore dell’immagine.

Ogni settimana ne pubblicheremo due e ri-scopriremo la Natura che ci circonda.

E le raccoglieremo in un album dedicato dal titolo “Il mio Parco”, dove potrete sfogliarle rimanendo a disposizione di tutta la collettività che, seppur virtualmente, potrà immergersi nelle nostre Terre, in attesa di poter tornare a farlo dal vivo.

Cosa aspetti? Stupiscici!

Ringraziamo Livio Zappella che ci regala sempre scatti stupendi!”

Alessandro Soragna

© Riproduzione riservata
Commenti