Ultim'ora
Commenta

Viadana, il PD chiede le
dimissioni! Il "palo di Gualerzi"
è ritenuto inaccettabile

Incalza la polemica in riva al Po dopo il "palo di Ivan Gualerzi" che ha eretto un vero e proprio muro dei pro e contro. La politica in questi casi alza i toni esponenzialmente e dopo la presa di posizione avversa del Movimento 5 Stelle, anche i rappresentanti viadanesi del Partito Democratico comunicano il proprio dissenso...

VIADANA – Incalza la polemica in riva al Po dopo il “palo di Ivan Gualerzi” che ha eretto un vero e proprio muro dei pro e contro. La politica in questi casi alza i toni esponenzialmente e dopo la presa di posizione avversa del Movimento 5 Stelle, anche i rappresentanti viadanesi del Partito Democratico comunicano il proprio dissenso…

“La sezione del partito democratico di Viadana chiede al sindaco facente funzioni e a tutta la giunta di dissociarsi dalle esternazioni del presidente del consiglio comunale Gualerzi apparse sulla stampa on line locale e chiediamo allo stesso presidente del consiglio di chiedere scusa e ritirare quanto da lui scritto sul giornale online”.

La chiusura del messaggio inoltrato dai DEM locali passa dalla presa di posizione alla volontà di sollevare dall’incarico lo stesso Gualerzi in quanto ritenuti istituzionalmente inopportuni i contenuti delle dichiarazioni uscite…

“È inaccettabile che in una simile situazione, nella quale ogni giorno si contano innumerevoli decessi e contagi, un rappresentante delle istituzioni e stipendiato dalla cittadinanza, inneggi alla violenza fisica contro il presidente del consiglio con frasi da osteria, con l’unico scopo di farsi pubblicità e acquisire visibilità in modo gratuito e discutibile. Per cui gli amministratori perseguano il bene dei viadanesi e non gli interessi di partito. Se questo non verrà fatto presenteremo una mozione di sfiducia nei confronti del presidente del consiglio per avere le sue immediate dimissioni da un ruolo che deve essere istituzionale e di garanzia di tutti i cittadini”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti