Ultim'ora
Commenta

Lezioni dalla natura:
le "fragili" campanule
insegnano a resistere.

Guardare la natura nelle sue espressioni più apparentemente delicate ed al contempo capaci di resistere al tempo come le campanule è sinonimo di saggezza e lungimiranza. La visione poetica riesce a donare a queste suggestioni un’ulteriore profondità come nel caso di Massimo Negri…

CASALMAGGIORE – Guardare la natura nelle sue espressioni più apparentemente delicate ed al contempo capaci di resistere al tempo come le campanule è sinonimo di saggezza e lungimiranza. La visione poetica riesce a donare a queste suggestioni un’ulteriore profondità come nel caso di Massimo Negri…

“Ogni volta che dobbiamo resistere o sopravvivere a circostanze molto difficili – ad esempio, a questo 2020 segnato da una crisi epidemica – oltre a reciprocamente invitarci, con linguaggio comune, a stringere i denti, serrare le file e così via, possiamo, in metafora poetica, pensare ai fiori, a delle semplici campanule.

Anche adesso, nel passaggio dalle misure restrittive del lockdown della Fase 1 alla graduale ripresa delle varie attività della Fase 2, è (ancora) tempo di resistere, richiamando, per l’appunto, la lirica “Campanule” di Tersilla Federici, autrice della raccolta “Viandante di me stessa” (Pagine Editore). Talora, pure fermarsi a osservare e a respirare la natura può infondere una necessaria dose di coraggio.

 

Campanule

Lasciamo le tenere

margherite,

numerose

agli inizi della

primavera,

ora si preparano

i giorni delle umili

ma tenacissime

bianche campanule

che sopravvivono

al gran caldo e

si adattano

ad ogni terreno.

E’ tempo

di resistere.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti