Commenta

Rotonda Penny, passa
in consiglio il documento per
migliorarlo. Ma è lite Listone-CNC

Il documento chiede - e questo, oltre le polemiche, è quello che più conta - che entro l’inizio del prossimo anno scolastico la rotatoria Penny venga sistemata con determinate caratteristiche.

CASALMAGGIORE – Polemica anche dinnanzi a un voto all’unanimità. Passa il documento prodotto dalla Commissione Urbanistica, composta da Pamela Carena e Mauro Sartori per la maggioranza e da Alberto Fazzi e Annamaria Piccinelli per le minoranze di Listone e Casalmaggiore la Nostra Casa in merito ai miglioramento alla rotatoria Penny, che insiste a Casalmaggiore sulla strada Asolana. Ma alla fine lo spazio per la discussione, anche accesa, non manca. A scontrarsi le due minoranze con il consigliere Fazzi del Listone che esprime il suo rammarico perché “anche dinnanzi a un traguardo raggiunto insieme, unendo maggioranza e minoranze, si parlerà più di questo battibecco che non del risultato ottenuto”.

A fare discutere non è il contenuto del documento, ma il fatto che – come la mancata firma del consigliere Piccinelli lasciava intendere – Casalmaggiore la Nostra Casa chiedeva una integrazione che non è stata accolta. La Commissione Urbanistica si è riunita dopo che Alberto Fazzi, che presentò la mozione il 6 settembre 2019 a nome del Listone, la ritirò nel consiglio del 13 febbraio 2020, ottenendo però in cambio per la stessa Commissione Urbanistica mandato unanime dal consiglio comunale. Piccinelli ha invece chiesto che nel documento venisse riconosciuto il valore di un’altra mozione presentata da CNC, “per una verità legata alla cronistoria e a come le cose sono in effetti andate. Vogliamo cioè – ha detto Piccinelli – che sia riconosciuto che l’unanimità del mandato alla Commissione è derivata dalla condivisione dei contenuti espressi da analoga mozione di CNC”.

Fazzi ha spiegato che, a suo parere, questo passaggio non corrisponde alla verità storica: “La vostra mozione – ha detto Fazzi – era infatti stata bocciata e al passaggio in Commissione si è arrivati con la mozione del Listone. Il problema non è nemmeno questo: perché Piccinelli non ha fatto queste rimostranze in Commissione, dove tutto sembrava procedere per il meglio, e ha atteso il consiglio comunale? Cosa è accaduto nel mentre?”. Dopo qualche momento di tensione, CNC ha chiesto e ottenuto cinque minuti di sospensione per confrontarsi in privato, dopo di che si è passati al voto: respinta – con i soli quattro voti a favore del gruppo di centro-sinistra – l’integrazione richiesta da CNC, il punto è passato all’unanimità, non senza nota polemica finale di Piccinelli contro Fazzi.

Il documento chiede – e questo, oltre le liti, è quello che più conta per la comunità – che entro l’inizio del prossimo anno scolastico la rotatoria Penny venga sistemata con le seguenti caratteristiche: spostamento degli ostacoli presenti sui marciapiede; creazione di piazzole a raso per l’accesso al marciapiede; rafforzamento di segnaletica orizzontale e verticale per il percorso pedonale; eliminazione dell’ingombro presente sempre sul marciapiede; creazione di uno scivolo di raccordo di adeguata pendenza in coincidenza con l’incrocio a raso con via Foscolo; infine la modifica del raggio di curvatura dell’attuale marciapiede, per evitare bruschi rallentamenti in corrispondenza del negozio Acqua e Sapone.

G.G.

 

 

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti