Commenta

Summerlife per i ragazzi di
Rivarolo del Re, Zanichelli:
"Obiettivi raggiunti, grazie a tutti"

Il Comune, su una spesa complessiva di 12.300 euro per lo svolgimento del 'Summerlife' ha coperto 8.000 euro, grazie a un contributo di 6.445,23 euro del Concass (Consorzio Casalasco Servizi Sociali) e uno di 3.445,75 euro da fondi del D.M.

RIVAROLO DEL RE – Tutto è andato bene, e non poteva essere altrimenti vista la squadra di volontari in campo, la preparazione e la passione che poi hanno messo tutti in un periodo non semplice. Il campo estivo a Rivarolo del Re è terminato il 31 Luglio ed ha visto la partecipazione di 38 ragazzi dai 6 anni ai 17 anni suddivisi in sette gruppi. Molto apprezzata dall’Amministrazione Comunale la consegna dell’attestato ‘di merito e riconoscimento del contributo e del sostegno accordati per il centro estivo’, un gesto che i ragazzi hanno voluto fare alle istituzioni in segno di riconoscimento.

Il Comune, su una spesa complessiva di 12.300 euro per lo svolgimento del ‘Summerlife’ ha coperto 8.000 euro, grazie a un contributo di 6.445,23 euro del Concass (Consorzio Casalasco Servizi Sociali) e uno di 3.445,75 euro da fondi del D.M. 25 giugno 20 (contributo regionale per centri estivi). I restanti 1.900 euro saranno messi a disposizione di chi ha frequentato attività analoghe altrove.

“Un sentito grazie – scrive Luca Zanichelli – deve essere rivolto a don Giuseppe Allevi che si è assunto la responsabilità di fare con l’Oratorio da ‘ente gestore’ del campus, all’Associazione ‘La Rondine’ per l’ideazione e la progettazione del progetto e alle altre Associazioni ‘Proloco’ e ‘Asd Polisportiva’ per aver montato le strutture ombreggianti esterne negli spazi aperti dell’Oratorio.
L’altra nota di merito va per l’impegno che dal 29 giugno è stato costante nonostante le difficoltà del momento al personale socio-educativo, agli animatori e a tutti i volontari (tutti ragazzi del nostro paese e adulti), oltre ai responsabili Covid della cooperativa Altana. Tutti assieme hanno saputo dare vita ad un campo estivo all’insegna del divertimento nel rispetto delle regole anti Covid.

Il diritto per i nostri ragazzi a ritornare a socializzare, ad esprimersi all’insegna del divertimento stando insieme fisicamente dopo il lungo periodo di lockdown e l’altro obbiettivo fondamentale raggiunto è stato l’apprendimento delle regole comportamentali nel rispetto della propria salute e della salute altrui. Aspetti educativi e formativi fondamentali in questo periodo di disorientamento sociale adolescenziale dovuto a questa delicata “fase 3” post pandemia. Regole che aiuteranno i ragazzi nella ripresa delle attività scolastiche a settembre. Sono da sempre convinto che qualsiasi progetto diventa ‘un grande progetto’ se ad animarlo, se a viverlo sono persone con il cuore grande. Onore al nostro Volontariato”.

Ora l’estate dei ragazzi di Rivarolo, per quelli costretti a restare a casa e che non partiranno per altri luoghi di villeggiatura, prosegue nella piscina della frazione di Villanova.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti