Commenta

'Ti porterò sempre nel cuore'
Patty ricorda Tiziano Bellini
A lei il nostro abbraccio

Pessoa conclude la sua poesia con "Mai nessuno s’è smarrito. Tutto è verità e passaggio". Tiziano è vivo nel cuore e nei ricordi di chi gli ha voluto bene. Presenza in quello di chi - come Patty - lo ha amato

“… la morte è solo la curva nella strada, morire è non essere visto…”. E’ l’inizio di una poesia di Fernando Pessoa. E’ quel non essere visto che pesa, e comunque come un macigno nel cuore di chi ha amato e resta su quella stessa strada. L’assenza in alcuni momenti si fa feroce, spezza il respiro, stringe in una morsa fortissima il cuore. “... se ascolto sento i tuoi passi esistere, come io esisto…

Un breve messaggio, una fotografia di quando erano sorrisi, e viaggi in moto, e presenza. E tanto altro che neppure conosciamo ma che immaginiamo. Un breve messaggio e una fotografia, poco per farne un pezzo, o forse no. Perché a volte tante parole neppure servono. Bastano quelle poche che servono a ricordare.

La foto ce la invia Patrizia Bellini, senza peraltro chiederci nulla. Ed è strano poi tra comunicati e pezzi che parlano di vita, gente che ti chiede se puoi seguire un’iniziativa piuttosto che un’altra, trovarne un messaggio che pur dicendo poco (solo in termini di parole scritte, s’intende), parla di ciò che non è più. “Ti porterò sempre nel mio cuore. Tua moglie Patty. Mi manchi”.

Il marito di Patty si chiamava Tiziano Bellini. Deceduto il 26 marzo di quest’anno. Un abbraccio a Patty, che non conosciamo, glielo vogliamo dare noi.

Pessoa conclude la sua poesia con “Mai nessuno s’è smarrito. Tutto è verità e passaggio“. Tiziano è vivo nel cuore e nei ricordi di chi gli ha voluto bene. Presenza in quello di chi – come Patty – lo ha amato. Mai nessuno si smarrisce se continuiamo a portarlo dentro.

Nazzareno Condina

 

© Riproduzione riservata
Commenti