Ultim'ora
Commenta

Strada (L.C.E.): “La scuola
riparte il 14. La Regione è
pronta con i pc e tablet?"

Per superare questa criticità a luglio in occasione dell’Assestamento al Bilancio 2020-2022, è stato approvato all’unanimità il nostro ordine del giornoper il sostegno al superamento del ‘digital devide’ nella popolazione scolare dai sei a diciotto anni

“Martedì in aula consigliare mi auguro di ricevere conferma dalla Giunta che siano stati rispettati gli impegni presi a luglio per una riapertura tecnologicamente adeguata dell’anno scolastico”, dichiara Elisabetta Strada, Consigliere regionale dei Lombardi Civici Europeisti

“La scuola – sottolinea la Consigliera civica – riparte il 14 settembre, ma per diverse ragioni (strutturali e/o di distanziamento sociale) non tutti gli studenti di tutte le scuole lombarde potranno essere tutti i giorni in aula e certamente non tutti dispongono ancora di adeguati device tecnologici per seguire le lezioni in modalità e-learning, come evidenziato durante il periodo di lockdown.

Per superare questa criticità a luglio – ricorda la Consigliera civica- in occasione dell’Assestamento al Bilancio 2020-2022, è stato approvato all’unanimità il nostro ordine del giorno n. 1185 per il sostegno al superamento del ‘digital devide’ nella popolazione scolare dai sei a diciotto anni, che puntava proprio al sostegno degli studenti a rischio di povertà digitale”.

L’ordine del giorno approvato all’unanimità impegnava la giunta a realizzare la mappatura circostanziata degli studenti sprovvisti per difficoltà economiche degli strumenti digitali necessari (pc e tablet), e di quelli ospitati nelle comunità protette,  e prevedeva l’acquisto e la distribuzione, tramite le scuole, degli strumenti informatici necessari agli studenti beneficiari, prima dell’inizio dell’anno scolastico, al fine di consentire loro di poter accedere alla formazione a distanza ed evitare una condizione di palese disuguaglianza, garantendo un diritto fondamentale sancito dalla nostra Costituzione quale è quello allo studio.

“Chiediamo conferma e ci auspichiamo quindi che, fin dal primo giorno, sia garantito il diritto allo studio per tutti”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti