Ultim'ora
Commenta

Viadana, caos scuolabus
Patrizia Pezzali (AGE) portavoce
delle rimostranze dei genitori

Nell’attesa che tutto si sistemi al più presto, siamo ad offrire all’assessorato all’istruzione viadanese, come abbiamo la fatto, la piena disponibilità dell’A.G.E.

VIADANA – Trasporto scolastico, niente è andato come doveva andare. A farsi portavoce del malcontento diffuso a Viadana Patrizia Pezzali, presidente di A.G.E. (Associazione Genitori) che mette tutto il suo disappunto e quello delle persone che l’hanno contattata  in un comunicato.

“Che le scuole sarebbero iniziate il 14 settembre – scrive – era cosa nota a tutti, come anche che i bambini avrebbero avuto bisogno di un mezzo di trasporto per andarci. Molti sono i genitori preoccupati che si sono rivolti all’A.G.E. (Associazione Genitori) della quale sono presidente. Qual è il problema principale? A scuola iniziata non è stato ancora definito, per tutte la famiglie richiedenti, il servizio di scuolabus.

I mezzi di trasporto, nel rispetto delle norme anti contagio non potranno sfruttare la massima capienza, pertanto a tutti non sarà consentito di salirvi. Sono state scelte alcune vie dalle quelli raccogliere a bordo bambini, mentre altre sono state escluse dall’elenco. Ma con quale criterio? Come devono comportarsi le famiglie escluse? Molti genitori hanno telefonato in Comune a Viadana domandando lumi in merito a tale situazione e la risposta ricevuto è stata quella di pazientare perché sono sotto organico inoltre una dipendente dell’ufficio scuola, è in ferie fino al 20 Settembre.

In un ufficio già pesantemente sottodimensionato, subissato giustamente dalle richieste dei genitori, ci sarebbe il bisogno di tutti. Chi ha concesso le ferie al personale dell’ufficio scuola proprio nei giorni di inizio delle attività scolastiche? Perché le famiglie non sono state avvertite per tempo di tale disagio? Consultando associazioni e rappresentanze dei genitori si sarebbero “prese decisioni condivise e sicuramente meno indigeste. Insomma i genitori dovranno attendere e nel frattempo cercare di arrangiarsi come potranno.

Nel caso vi siano problemi di trasporto legati a esigenze lavorative delle famiglie, domando che le assenze o eventuali ritardi dei figli vengano giustificati dagli Istituti, che non hanno responsabilità di tale disagio, ma che devono comunque comprendere che non dipende nemmeno dalla volontà delle famiglie. Nell’attesa che tutto si sistemi al più presto, siamo ad offrire all’assessorato all’istruzione viadanese, come abbiamo la fatto, la piena disponibilità dell’A.G.E.”

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti