Ultim'ora
Commenta

Jorghe e Sgamba, domani a
Vicomoscano il ricordo di
Lele (e la raccolta per l'Hospice)

Lele Vecchini sarà ancora presente, con un sorriso ed una birra. Presente nelle parole di tanti amici, presente nell'ombra che calerà la sera sul bel campo di Vicomoscano. Sarà presente in un memorabile sabato pomeriggio

VICOMOSCANO – La luce non s’è spenta, è solo in un altro dove. E comunque e a prescindere illumina le strade di chi resta. Domani pomeriggio, a partire dalle 17, sarà un momento importante per tante persone che si ritroveranno al campo sportivo dietro alle scuole di Vicomoscano. Sarà il momento per festeggiare Gabriele ‘Lele’ Vecchini.

Lele è partito per un altro viaggio agli inizi d’agosto, dopo aver lottato contro un male implacabile dalla forza soverchiante. Lo ha fatto con l’ostinata convinzione di una vita vissuta comunque tra le tante passioni. La musica e soprattutto il calcio, giocato e tifato. Era un giocatore di quelli che poche volte vedi sui campi sgangherati degli amatori: infinita eleganza, testa pensante, capacità di fare la cosa giusta al momento giusto.

Jorghe e Sgamba, amici di una vita, hanno pensato di ricordarlo con un pomeriggio ed una serata tutta per lui. Si inizierà alle 17 con una partita tra Real Burag, la squadra che lo ha visto giocare e Baraonda, il gruppo di tifosi della Cremonese che lo ha visto tifare la squadra in giro per tutta Italia. Sarà uno scontro di quelli belli, vecchi amici, alcuni in formissima ed altri un po’ meno, a correre dietro ad un pallone. Come si faceva da bambini senza troppe costruzioni mentali, come lo ha fatto lui, sino a che le forze glielo hanno consentito.

Ma la giornata sarà speciale per tanti altri motivi: ci saranno sorprese, sarà un momento di incontro tra i tanti che l’hanno conosciuto, che potranno trastullarsi tra una birra ed una salamella e l’immancabile musica e sarà speciale per un altro fondamentale motivo. Alla giornata sarà legata una raccolta fondi, pensata dagli amici del Real Burag, dagli amici del tifo cremonese, dai familiari e da Jorghe e Sgamba a favore dell’Hospice di Cremona. Quella struttura che segue sino all’ultimo respiro spesso le strade senza ritorno.

Lele Vecchini sarà ancora presente, con un sorriso ed una birra. Presente nelle parole di tanti amici, presente nell’ombra che calerà la sera sul bel campo di Vicomoscano. Sarà presente in un memorabile sabato pomeriggio. Perché la luce – la sua luce – non si è spenta. E’ solo in un altro dove e forse in certi momenti, pure da qui, riusciamo a scorgerla…

Nazzareno Condina

© Riproduzione riservata
Commenti