Ultim'ora
Commenta

Covid e mezzi pubblici,
studenti in abbondanza: le
segnalazioni di due genitori

Un altro viaggiatore ci manda una foto. E' del 17 settembre, e la linea è quella che da Cremona torna verso il casalasco. Come si può facilmente vedere, nessun distanziamento

Mezzi pubblici nel caos? Le segnalazioni arrivano, e sono tutte sullo stesso tono. “Sui pulman i nostri figli sono stipati come sardine, alla faccia delle norme anticovid!” ci racconta una di loro. La figlia va a Viadana e parte dal casalasco.

Più complessa ed elaborata la lettera firmata che pubblichiamo quale contributo alla richiesta di una maggior attenzione degli organi preposti: “Vorrei comunicarle il disagio che si è riscontrato con il trasporto dei mezzi pubblici, le linee urbane ed extraurbane dei pullman che trasportano gli studenti. Innanzitutto non è osservata la distanza di sicurezza, perchè i passeggeri sono seduti vicini e a volte debbono restare in piedi o vengono fatti scendere perchè il mezzo è troppo carico. Il pullman successivo è a distanza di parecchio tempo e porterebbe gli alunni ad arrivare a scuola in ritardo. Basterebbe aumentare la frequenza dei mezzi negli orari degli studenti, magari uno ogni cinque/dieci minuti, nella fascia dalle 7 alle 8 e in quella di fine lezione delle scuola superiori. Mentre durante il resto della
giornata si potrebbe diminuire le corse. Questo è il mio modesto parere da utente che ha a che fare con questo servizio giornalmente per mio figlio. Ed è forse anche una richiesta logica e pratica. Mi rendo conto che non conosco approfonditamente gli orari e l’organizzazione interna della ditta di trasporti, comunico solo il mio disagio sperando che venga considerato ed ascoltato da qualcuno. Altrimenti si fa la solita figura della disorganizzazione pubblica ed invece di favorire l’utilizzo dei mezzi lo si scoraggia così facendo”.

Un altro viaggiatore ci manda una foto. E’ del 17 settembre, e la linea è quella che da Cremona torna verso il casalasco. Come si può facilmente vedere, si fa fatica a parlare di distanziamento. Portiamo all’attenzione la cosa, nella speranza che qualcuno possa mettere mano alla questione. In periodo di contenimento del Covid una questione che dovrebbe essere seguita con la massima attenzione.

N.C.

© Riproduzione riservata
Commenti