Ultim'ora
Commenta

Comitato TPT a colloquio
con Parma per il ponte
"A dicembre i sensori"

Il Presidente della Provincia ed il dirigente del servizio hanno affermato che entro dicembre 2020 gli apparecchi di verifica della staticità del ponte e gli apparecchi di controllo del peso e della velocità saranno posizionati
foto drone: Cristiano Antonino - RossoParma

Il Presidente della Provincia di Parma Diego Rossi, ha incontrato giovedì scorso i rappresentanti del Comitato Treno Ponte Tangenziale alla presenza dei funzionari del settore e del tecnico incaricato della soc. incaricata (Fincantieri) della posa deglí strumenti volti alla verifica statica del ponte e alla verifica della velocità e del peso degli automezzi in transito sul ponte.

Il Presidente della Provincia ed il dirigente del servizio hanno affermato che entro dicembre 2020 gli apparecchi di verifica della staticità del ponte e gli apparecchi di controllo del peso e della velocità saranno posizionati.

Ci è stato assicurato che la documentazione relativa al peso e alla velocità dei veicoli, comprese le riprese con le telecamere, verrà messa a disposizione anche delle forze dell’ordine. Inoltri gli strumenti di verifica del peso dei mezzi in transito e della velocità verranno posizionati in entrambe le direzioni di marcia sul ponte. I prossimi giorni sarà dato inizio al cantiere sul ponte.

Il Comitato ha salutato con favore la notizia della posa dei controlli sul ponte a partire dal dicembre 2020 senza però nascondere la propria preoccupazione per il ritardo con il quale la Amministrazione Provinciale ha proseguito nell’iter di posa delle apparecchiature di controllo della staticità e di controllo della velocità e del peso dei veicoli in transito in quanto, la stessa progettazione dei lavori di ristrutturazione del ponte prevedeva che il controllo di staticità dovesse essere posato contestualmente alla riapertura.

Inoltre il progetto di ristrutturazione del ponte (ing. Scaroni) assicurava una durata decennale dei lavori di sistemazione a condizione che venisse assicurato il controllo della velocità di 50 km/h venisse assicurato il limite di peso e la distanza tra i veicoli. Come è noto a tutti coloro che transitano sul ponte il limite di velocità è, di frequente, violato e sul ponte transitano anche veicoli eccezionali dal peso elevato; condotte non consentite che rischiano di pregiudicare gravemente la staticità del vetusto ponte, seppur assoggettato a ristrutturazione.

Il Presidente della Provincia di Parma Rossi ha altresì comunicato che la Provincia intende bandire la gara di progettazione per il nuovo ponte sul Fiume Po tra Colorno e Casalmaggiore entro la primavera del 2021, previa convenzione con ANAS.

La bozza della convenzione è stata inviata ad ANAS e la Provincia di Parma è in attesa delle osservazioni dell’ANAS. La convenzione con ANAS ‘si rende necessaria per coordinare la progettazione con il soggetto che poi dovrà realizzare l’opera, previo reperimento dei necessari finanziamenti. La Provincia di Parma ha, infatti, ottenuto i finanziamenti statali per procedere alla sola progettazione ma la realizzazione del nuovo ponte e la sua gestione saranno in capo ad ANAS.

Quanto al trasferimento delle strade provinciali (ed in particolare della ‘Asolana’) ad ANAS non sono state comunicate dalla Provincia di Parma delle previsioni di tempistiche anche se c’è ‘ottimismo’ nella Provincia di Parma che nel 2021 il trasferimento possa avvenire.

Il Comitato ha ribadito il proprio impegno nel monitorare costantemente gli sviluppi dei procedimenti in corso ed ha ribadito la propria preoccupazione per i ritardi nel cronoprogramma della posa dei sensori di controllo e nel cronoprogramma della progettazione del nuovo ponte.

“Dobbiamo ringraziare – spiegano i referenti del Comitato TPT – il Presidente della Provincia di Parma che non è mai venuto meno al confronto con il Comitato, anche in momenti di elevata dialettica. Spiace rilevare, invece, che figure istituzionali che, rispetto allo scrivente comitato, potrebbero avere un’autorevolezza e un peso ben maggiore nel sollecitare la Provincia a proseguire con la massima determinazione nelle opere intraprese, non adempiano a tale compito, limitandosi a poco significativi commenti sui social network o a sporadiche comunicazioni epistolari”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti