Solidarietà
Commenta

Coldiretti Cremona, martedì scorso giornata nel segno della solidarietà alimentare

Com’è noto, già nella scorsa primavera Coldiretti Cremona si era attivata, insieme alle aziende agricole e in sinergia con tanti Comuni, nel segno della solidarietà alimentare

Da Casalmaggiore a Rivarolo del Re, da Cappella de Picenardi a Soresina, da Ripalta Guerina ad Offanengo, per arrivare a Vailate. Sono stati quattrocento i “pacchi solidali” – acquistati con le disponibilità del “fondo di solidarietà alimentare”, composti con i prodotti dell’agricoltura lombarda e destinati alle famiglie in difficoltà – consegnati oggi da Coldiretti Cremona nelle mani di sindaci, parroci, volontari, assistenti sociali. E’ avvenuto grazie ad una vera e propria ‘macchina della solidarietà’ che oggi si è rimessa in moto con determinazione ed efficienza, grazie alla sinergia tra l’organizzazione degli agricoltori e i rappresentati della comunità, con l’intento di portare un aiuto concreto a chi ha più bisogno e nel contempo sostenere le produzioni agroalimentari locali.

Com’è noto, già nella scorsa primavera Coldiretti Cremona si era attivata, insieme alle aziende agricole e in sinergia con tanti Comuni, nel segno della solidarietà alimentare. “A seguito delle numerose richieste pervenute, abbiamo voluto riproporre l’iniziativa, scrivendo ai Comuni del territorio. Oggi abbiamo dato il via alle prime consegne” sottolinea Paolo Voltini, presidente di Coldiretti Cremona. “Abbiamo preso un impegno con i cittadini e le istituzioni: quello di fare fino in fondo la nostra parte, portando aiuto alle  persone che stanno vivendo una condizione di necessità, aggravata dalla pandemia. Portiamo il nostro aiuto valorizzando nel contempo il lavoro degli agricoltori cremonesi e le identità produttive della nostra provincia. In questa direzione, anche nei prossimi giorni, il nostro impegno proseguirà, con altre e più forti iniziative”.

Martedì è stato tempo di consegne benefiche anche presso il mercato di Campagna Amica a Cremona, sotto il portico del Consorzio Agrario. Numerose borse cariche di spesa (con tutti i prodotti dell’agricoltura cremonese, a cominciare da frutta e verdura, da farine e riso, ma anche miele, formaggi, salumi) sono state consegnate dagli agricoltori a don Giuseppe, della cooperativa La Zolla. All’opera, accanto ai produttori di Campagna Amica e alle imprenditrici agricole di Coldiretti Donne Impresa, c’erano i ragazzi di ThisAbility, ormai affiatatissimi partner degli agricoltori.  Quella di stamattina è stata la prima, corposa consegna legata all’iniziativa della “spesa sospesa”,  proposta nel mese di dicembre presso il mercato di Campagna Amica. “I cittadini che hanno fatto la spesa presso il mercato di Campagna Amica hanno potuto fare un acquisto in più,  o lasciare un’offerta, così da assicurare una fornitura alimentare destinata a chi ne ha più bisogno. Gli agricoltori hanno contribuito con le loro personali offerte, aggiungendo altri generi alimentari  – spiega Paola Bono, direttore di Coldiretti Cremona –. Con gioia oggi abbiamo effettuato la prima consegna della “spesa sospesa”, mentre già stiamo preparando la prossima”.

redazione@oglioponews.it

 

© Riproduzione riservata
Commenti