Politica
Commenta

Sostituzione di Trivelli con dg da fuori regione. Assomed: "In Lombardia qualcosa non funziona"

"Non è infatti difficile scorgere nella sanità veneta, per quanto dello stesso colore politico, un modello alquanto diverso riguardo alla centralità della programmazione e dei controlli e dello spazio che il territorio ha sempre avuto rispetto alla rete ospedaliera e al privato".

Nella foto Marco Trivelli

A margine della sostituzione del DG Welfare Marco Trivelli da parte dell’Assessore e Vicepresidente di Regione Lombardia Letizia Moratti, ecco la posizione di Stefano Magnone, Segretario Regionale di Anaao-Assomed Lombardia. “Come un fulmine a ciel sereno che ha lasciato tutti a bocca aperta, dopo averne confermato la delegazione non più tardi di un mese fa, l’Assessore e Vicepresidente di Regione Lombardia Letizia Moratti sostituisce il Direttore Welfare Marco Trivelli, chiamato a giugno in sostituzione di Luigi Cajazzo. Continua il terremoto al vertice della sanità regionale lombarda: evidentemente, nonostante la tenacia degli operatori, dirigenti medici e sanitari compresi, qualcosa non ha funzionato nella “perfetta” macchina sanitaria regionale, in attesa del tagliando della “riforma della riforma”.

“Mentre attendiamo di conoscere il nuovo Direttore Generale, di provenienza veneta, cui auguriamo buon lavoro – spiega Magnone – ci poniamo la domanda se l’aver attinto fuori regione non sia una sconfessione del servizio sanitario regionale, dopo anni di autocelebrazione. Non è infatti difficile scorgere nella sanità veneta, per quanto dello stesso colore politico, un modello alquanto diverso riguardo alla centralità della programmazione e dei controlli e dello spazio che il territorio ha sempre avuto rispetto alla rete ospedaliera e al privato. Ai posteri l’ardua sentenza, ma ora serve stabilità per raggiungere tutti gli obiettivi imposti dalla pandemia e dalla revisione del sistema”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti