Cronaca
Commenta

Covid, a Viadana si stringe la morsa: 23 under 25 sanzionati lo scorso weekend

Romano Bellini: "Purtroppo è sotto gli occhi di tutti che la situazione pandemica in Italia sta avendo un ‘evoluzione negativa, quindi non è il momento di abbassare la guardia"

VIADANA – Si stringe la morsa nei confronti di chi non rispetta le regole legate alla prevenzione del Covid. Come in tante altre realtà, anche a Viadana si è deciso per un giro di vite. Ad essere particolarmente ‘ colpiti’ i ragazzi. Ben 23 quelli sanzionati nell’ultimo weekend.

“Nell’ ultimo weekend – spiega Romano Bellini – la Polizia locale ha effettuato diversi controlli finalizzati alla verifica del rispetto delle norme sancite dai vari DPCM in tema di Sars Covid 19 presso i Bar del centro cittadino.

Purtroppo sì sono evidenziati parecchi comportamenti non corretti e non conformi alle normative vigenti e sono stati sanzionati 23 ragazzi tra i 16 e 25 anni. Le verifiche si sono svolte sia all’interno che all’esterno dei locali, ove erano presenti tavoli per la consumazione.

Gli agenti si sono relazionati con i gestori dei locali che hanno manifestato cortesia e collaborazione. I controlli sono proseguiti anche presso i parchi e si sono estesi anche al parcheggio del ‘MuVi’ dove non sono state rilevate irregolarità nei comportamenti dei presenti.

Purtroppo è sotto gli occhi di tutti che la situazione pandemica in Italia sta avendo un ‘evoluzione negativa, quindi non è il momento di abbassare la guardia.

Invito tutti ma in special modo i ragazzi al rispetto delle tre regole più importanti: mantenere il distanziamento, indossare sempre e correttamente la mascherina e non creare assembramenti; chiedo, inoltre, ai genitori di sensibilizzare i ragazzi perché rispettino le regole, nonostante sia comprensibile che dopo un anno di convivenza con il virus i ragazzi siano stanchi (complice anche la situazione scolastica che procede a singhiozzo) ma devono essere consapevoli che con i loro comportamenti non corretti durante le ore extra scolastiche sono purtroppo anche loro a contribuire alla diffusione del virus e alla conseguente emanazione di regole sempre più restrittive”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti