Eventi
Commenta

Bozzolo, 62° Anniversario della
morte di don Primo Mazzolari

Il Convegno si terrà il giorno prima, il 10 aprile, alle ore 16 e sarà on line, date le condizioni sanitarie di questo momento. Quest’anno sarà presentato un volume di recente pubblicazione: “Ho bisogno di amicizia” (a cura di Bruno Bignami e Umberto Zanaboni, edizioni Dehoniane)

BOZZOLO  – Il 12 aprile 1959 moriva don Primo Mazzolari, lasciando una luminosa testimonianza di vita sacerdotale e un immenso patrimonio di scritti.

Ogni anno, nell’anniversario della morte, la Fondazione don Primo Mazzolari, la diocesi di Cremona e di Mantova, la parrocchia di Bozzolo e tanti amici lo ricordano con una Celebrazione Eucaristica e un convegno; l’Eucaristia perché continui nella comunione della preghiera un rapporto che la morte non ha interrotto e un convegno per continuare a studiare e a far conoscere il pensiero di don Primo.

L’Eucaristia quest’anno sarà presieduta dal Vescovo di Mantova, Mons. Marco Busca e concelebrata da Mons. Antonio Napolioni, vescovo di Cremona, insieme a tutti i sacerdoti che vorranno unirsi, la domenica 11 aprile, alle ore 17, nella Chiesa parrocchiale di Bozzolo.

Il Convegno si terrà il giorno prima, il 10 aprile, alle ore 16 e sarà on line, date le condizioni sanitarie di questo momento.

Quest’anno sarà presentato un volume di recente pubblicazione: “Ho bisogno di amicizia” (a cura di Bruno Bignami e Umberto Zanaboni, edizioni Dehoniane).

Vi sono raccolte le lettere tra don Mazzolari e don Astori, amici fin dai primi anni del seminario. Si tratta di un’occasione per mettere in luce un aspetto importante dell’umanità di don Primo e per ripercorrere un piccolo tratto della storia del clero cremonese nella prima metà del ‘900.

Relatori saranno Giovanni Vian (direttore Dipartimento studi umanistici dell’Università Ca’ Foscari di Venezia) e don Cristiano Passoni (Assistente generale dell’Azione cattolica di Milano), introdotti dalla Presidente della Fondazione, Paola Bignardi e dal Presidente del Comitato Scientifico di essa, Giorgio Vecchio.

Saranno presenti i curatori dell’opera, Bruno Bignami e Umberto Zanaboni.

Per maggiori informazioni, vedere il sito della Fondazione (www.fondazionemazzolari.it)

Ros Pis

 

© Riproduzione riservata
Commenti