Salute
Commenta

ASST Mantova, anticorpi
monoclonali al primo paziente

Sono stati somministrati giovedì al primo paziente di ASST gli anticorpi monoclonali anti-SARS-CoV-2. Si tratta di un uomo di 53 anni, residente nel Mantovano. Il paziente è risultato positivo al tampone per Covid in Pronto Soccorso.

Presentava una forma iniziale della malattia, senza necessità di ossigeno ed è immunodepresso per una terapia cronica, condizioni che lo hanno reso candidabile agli anticorpi monoclonali. L’uomo è in buone condizioni ed è stato ricoverato a scopo precauzionale.

Il protocollo terapeutico per l’utilizzo degli anticorpi monoclonali, preparato dal direttore delle Malattie Infettive Salvatore Casari in collaborazione con il direttore del Pronto Soccorso di Mantova Massimo Amato e con il direttore della Farmacia Maria Eugenia Borghesi, coinvolge il personale di varie strutture.

Le proposte di trattamento potranno pervenire dal medico di medicina generale, dal pediatra di libera scelta, dal medico delle Usca, dal medico di Pronto Soccorso, dal medico di una struttura di ricovero dell’ASST, dove il paziente è degente per causa diversa dal Covid, in seguito a un riscontro occasionale.

In tutti i casi, come da indicazione della scheda tecnica dei farmaci, le persone destinatarie della terapia dovranno avere l’infezione da non più di 10 giorni e presentare una sintomatologia lieve o moderata, tale da non richiedere la somministrazione di ossigeno.

Inoltre, è necessario che il paziente sia a rischio di progressione clinica severa per condizioni patologiche preesistenti come obesità, diabete mellito non controllato, immunodeficienza, malattia cardio-cerebrovascolare, bronchite cronica oppure essere sottoposti a dialisi. Il trattamento è quindi limitato a precise tipologie di pazienti, che hanno un’alta probabilità di peggioramento, con conseguente ricovero.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti