Cronaca
Commenta

Patrick Mallardo non si sentiva
ex. A scuola timido e riservato

Intanto emerge una piccola novità a livello giudiziario: gli avvocati che difenderanno Patrick sono infatti tre: a Francesco Savastano di Parma, amico di famiglia e nominato dalla madre di Patrick, e Alessio Barboni di Guastalla, nominato dal padre di Mallardo che risiede a Reggio Emilia, si aggiunge Raffaella Santoro di Parma. GUARDA IL SERVIZIO TG DI CREMONA 1

Una storia di quattro anni (non pochi quando se ne hanno appena 19), scivolata via liscia per i primi due e poi con tradimenti, accuse, flirt reciproci tesi a ingelosire il partner. Che, dopo Natale, partner non era più: almeno per Maria Teresa Dromì, mentre Patrick Mallardo non si era ancora arreso all’idea.

Pare che la stessa ragazza avesse parlato con Daniele Tanzi, l’attuale fidanzato ufficiale, di questa strana situazione, forse senza mai definirsi davvero del tutto ex, in una sorta di “triangolo” ancora poco chiaro e che forse i tre giovani provavano a dipanare e definire. A farlo ci ha pensato Patrick nel modo più violento possibile.

Il passato – e il presente – del giovane parlano di un ragazzo molto timido e poco socievole a scuola, ma non violento, come invece testimoniano a suo svantaggio le parole della madre di Maria Teresa e della stessa ragazza, oltre ad una denuncia all’autorità minorile per un’aggressione avvenuta qualche anno fa.

Patrick aveva frequentato l’Ipsia a Parma nel 2017-2018, collezionando il 50% di assenze e poi ritirandosi: operatore meccanico, lo stesso indirizzo scelto da Daniele Tanzi a Santa Chiara, a Casalmaggiore, percorso che il 19enne casalese di origini foggiane aveva invece concluso regolarmente dopo tre anni. Ora Patrick Mallardo andava a scuola a Reggio Emilia, all’Istituto Simonini, operatore per impianti elettrici.

Ed è vero che pure qui le assenze erano parecchie, ma Patrick sembrava più interessato agli argomenti proposti. “Stava dando le prime risposte, anche in termini di socializzazione coi compagni” dicono i professori dell’istituto reggiano alla “Gazzetta di Parma”. Insomma nulla a che spartire con quelle note disciplinari prese all’Ipsia di Parma non per comportamenti violenti, ma perché si addormentava sul banco.

Intanto emerge una piccola novità a livello giudiziario: gli avvocati che difenderanno Patrick sono infatti tre: a Francesco Savastano di Parma, amico di famiglia e nominato dalla madre di Patrick, e Alessio Barboni di Guastalla, nominato dal padre di Mallardo che risiede a Reggio Emilia, si aggiunge Raffaella Santoro di Parma. Il giovane resta in carcere in attesa della convalida del fermo che dovrebbe giungere al massimo lunedì, quando poi verrà studiata la strategia difensiva.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti