Chiesa
Commenta

Il vescovo in visita alla Casa
vacanze della Diocesi a Folgaria

Anche il sindaco di Folgaria, Michael Rech, ha voluto portare il saluto della comunità locale alla delegazione di cremonesi in visita nella città: “Il rapporto con la diocesi di Cremona è un rapporto consolidato nel tempo, un’amicizia profonda con la comunità di Folgaria e vedere questi investimenti".

(foto diocesidicremona)

Nei giorni scorsi il vescovo Antonio Napolioni ha fatto visita alla Casa Alpina Sant’Omobono, casa vacanze diocesana a Folgaria gestita da Caritas Cremonese attraverso la Cooperativa Servizi per l’Accoglienza, dove sono da poco terminati alcuni lavori di rinnovamento della struttura.

Ad accompagnare il Vescovo nella visita degli spazi rinnovati della casa vacanze erano presenti don Massimo Calvi, vicario generale della diocesi, don Antonio Mascaretti, economo diocesano, don Gianluca Gaiardi, incaricato diocesano per i Beni culturali ecclesiastici e l’Edilizia di culto, don Pierluigi Codazzi e Cristiano Beltrami, direttore e vicedirettore della pastorale caritativa, Daniele Rossi, responsabile dell’Ufficio ragioneria diocesano.

“Questo è un patrimonio che la diocesi di Cremona ha da molti anni. Folgaria negli anni è diventato un punto di riferimento per i cremonesi: qui sono passati tanti gruppi, tanti ragazzi tante famiglie” ha commentato don Codazzi, proseguendo: “Lo scopo di questa casa è proprio quello di poter dare la possibilità di fare, non solo giorni di vacanza, ma anche di riflessione e approfondimento: questo luogo può diventare un punto di riferimento ancora più importante e significativo per le nostre comunità anche in alcuni periodi dell’anno per alcune categorie particolari come ad esempio per gli anziani. La casa, infatti, è stata pensata e ristrutturata per poter accogliere anche i disabili e le persone con fragilità”.

Anche il sindaco di Folgaria, Michael Rech, ha voluto portare il saluto della comunità locale alla delegazione di cremonesi in visita nella città: “Il rapporto con la diocesi di Cremona è un rapporto consolidato nel tempo, un’amicizia profonda con la comunità di Folgaria e vedere questi investimenti, insieme all’attenzione per l’ospitalità e l’attenzione ad avere delle strutture di qualità, ci fa molto piacere come Comune”.

L’hotel è un’accogliente complesso alberghiero a 3 stelle, ristrutturato nell’inverno 2021 e possiede tutte le caratteristiche per rendere le vacanze indimenticabili, sia in inverno che in estate. Si trova nella Frazione Francolini a 1,5 km dal centro di Folgaria e a 100 m dalla partenze della seggiovia Sommo Alto. La struttura è immersa nel verde e nella quiete tipiche dell’Alpe Cimbra, in un paesaggio di prati, boschi e torrenti. Sullo stesso altipiano è possibile visitare altre due località poco distanti: Lavarone con il suo splendido lago e Luserna ricca di storia e tradizione grazie ai sentieri dei forti che fanno ripercorrere la storia della Grande Guerra.

L’Alpe Cimbra offre vacanze ricche di possibilità in tutte le stagioni: d’estate è possibile percorrere semplici sentieri adatti a tutta la famiglia con passeggiate tra boschi e pascoli e non mancano numerosi percorsi per gli amanti della mountain bike mentre in inverno il divertimento si sposta sulla neve con piste da sci, fondo, snowboard e fuoripista per ciaspole e sci d’alpinismo.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti