Salute
Commenta

Sanità rivista nel Casalasco Oglio Po:
Pavesi apre alle richieste dei sindaci

Da queste linee guida il DG Pavesi ha chiesto ai Sindaci di cominciare a ragionare su come dare esecuzione alle stesse in particolare sulle Case di Comunità, sugli Ospedali di comunità e sulle centrali operative territoriali. GUARDA IL SERVIZIO TG DI CREMONA 1

Giovedì 15 luglio al Centro Prisma di Rivarolo del Re, nella sala biblioteca, i sindaci dell’ambito distrettuale Oglio Po hanno incontrato il dg Welfare di Regione Lombardia Giovanni Pavesi, in un incontro incominciato per le 16 e terminato alle 18. Erano presenti i Sindaci di Rivarolo del Re, Casalmaggiore, Viadana, Bozzolo, Sabbioneta, Martignana di Po, San Giovanni in Croce, Gussola, Calvatone,  Tornata, San Martino del Lago, Commessaggio, Casteldidone, Spineda con deleghe dei Sindaci assenti.

Nei diversi loro interventi i Sindaci hanno sottolineato le problematiche della sanità territoriale, la carenza di medici e infermieri ospedalieri, nonché di medici di base e di un modello organizzativo che consenta di avere sull’area maggiore autonomia gestionale e finanziaria. I Sindaci si sono dimostrati uniti senza posizioni di campanile o politico partitiche, sottolineando che il territorio Oglio Po è unito, chiede attenzione e vuole poter risolvere i problemi sopraelencati.

Il dg Pavesi ha ascoltato con grande attenzione, delineando i primi indirizzi della revisione della Legge 23, che probabilmente sarà approvata in Giunta entro fine mese e inizierà i passaggi in commissione e consiglio regionale nelle successive settimane. Da queste linee guida il DG Pavesi ha chiesto ai Sindaci di cominciare a ragionare su come dare esecuzione alle stesse in particolare sulle Case di Comunità, sugli Ospedali di comunità e sulle centrali operative territoriali.

Ha assicurato un successivo incontro entro il prossimo mese, condividendo anche le problematiche e le istanze promosse dai Sindaci con i direttori generali di ASST Mantova, ASST Cremona e ATS Valpadana.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti