Sport
Commenta

"Si sogna un altro 1988": l'Eridanea
spinge Alessandra Montesano

Un’epopea che prosegue, con Farina che oggi allena proprio Montesano. I ragazzi della Canottieri, assieme proprio a Farina, faranno le ore piccole per seguire la finale, quasi in concomitanza con Federica Pellegrini, ma sperando che Mamma Rai non faccia scherzi. GUARDA IL SERVIZIO TG DI CREMONA 1

Claudio Gozzi è un socio storico della Canottieri Eridanea: lui c’era quando, nel 1988 a Seoul – in Italia era piena notte – Gianluca Farina vinceva sul quattro di coppia la prima medaglia d’oro olimpica di Casalmaggiore e della provincia di Cremona. Prima volta allora e – non succede ma se succede… – possibile prima volta anche adesso, per quanto l’oro sembri sulla carta lontano e già una medaglia sarebbe una grandissima impresa.

Stanotte alle 3.50 qualcuno si ritroverà, stavolta al bar dell’Eridanea e non più sotto la tradizionale pagoda, per seguire le gesta di Alessandra Montesano, ora alle Fiamme Gialle ma cresciuto all’Eridanea, così come Simone Raineri, altro oro olimpico sempre sul quattro di coppia nel 2000 a Sidney.

Un’epopea che prosegue, con Farina che oggi allena proprio Montesano. I ragazzi della Canottieri, assieme a Farina, faranno le ore piccole per seguire la finale, quasi in concomitanza con Federica Pellegrini, ma sperando che Mamma Rai non faccia scherzi. Silvia Orlandini è presidente dell’Eridanea da poco più di un mese ma già è pronta ad emozionarsi. In riva al Po il saluto arriva da tutti, per un tifo davvero generazionale.

G.G.

© Riproduzione riservata
Commenti