Cronaca
Commenta

Riparte la scuola, ma l'Apam
"dimentica" una corsa

“APAM ha trovato scuse - ci racconta chi doveva essere un passeggero della navetta fantasma, che s’è dovuto arrangiare in qualche modo -. La verità è che si sono proprio dimenticati. Chiediamo alla Regione di intervenire".

Riparte la scuola e tutti ovviamente si aspettano che il servizio di trasporto scolastico sia stato messo a punto, dato che il tempo non è mancato. E invece qualche segnalazione di disagio arriva eccome. La più clamorosa è quella della linea Brescello-Viadana, o meglio del servizio navetta che unisce le due località, non troppo distanti ma comunque da collegare al meglio per quanto concerne studenti e altri lavoratori.

Non è partita – stando a quanto riferito a un passeggero, perché la corsa, soppressa nel periodo estivo, non era stata reinserita in “agenda” – la corsa delle 8.15 da Viadana a Brescello, e di conseguenza neppure la corsa delle 8.30 da Brescello a Viadana. Da Viadana e Brescello sono stati lasciati a piedi una decina di persona, mentre a Brescello a piedi sono rimasti otto studenti minorenni, due anziani e due lavoratori.

“APAM ha trovato scuse – ci racconta chi doveva essere un passeggero della navetta fantasma, che s’è dovuto arrangiare in qualche modo -. La verità è che si sono proprio dimenticati. Chiediamo alla Regione di intervenire, o ci ridanno la linea intera su gomma Parma-Viadana oppure si assumano la responsabilità delle Navette che collega su gomma i tratti scoperti dalla ferrovia. Non possiamo restare a piedi un giorno sì e l’altro pure. Chiediamo, se possibile, un aiuto forte dalla Regione: Apam è inaffidabile. Ed è anche chiaro che a questa azienda frega molto poco dei pendolari”.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti