Ambiente
Commenta

Ecomafia, a Cr 20 reati accertati e
23 denunce nel 2020; a Mn va peggio

Cremona tra le province lombarde meno colpite dall’illegalità ambientale: il dato emerge dall’ultimo rapporto di Legambiente, Ecomafia 2021, presentato nella mattinata di martedì. E in provincia di Mantova è andata peggio.

Cremona tra le province lombarde meno colpite dall’illegalità ambientale: il dato emerge dall’ultimo rapporto di Legambiente, Ecomafia 2021, presentato nella mattinata di martedì. Un documento che fotografa la situazione, piuttosto drammatica, della Lombardia, sotto questo punto di vista. Anche Cremona, sebbene meno colpita dal fenomeno rispetto ad altre, presenta numeri preoccupanti: 20 i reati ambientali accertati nel 2020, 23 le persone denunciate e 13 le perquisizioni, mentre non risulta alcun arrestato.

Il rapporto ha analizzato i dati frutto dell’attività svolta da forze dell’ordine, Capitanerie di porto, magistratura, insieme al lavoro del Sistema nazionale per la protezione dell’ambiente nato dalla sinergia tra Ispra e Agenzie regionali per la protezione dell’ambiente e dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli.

Dal dossier annuale emerge che la Lombardia continua ad essere uno dei territori in cui l’illegalità ambientale si dimostra più pervasiva e diffusa: è la prima regione del nord e la settima in Italia per reati accertati con 1.897, il 5,4% di quelli contestati in Italia, 2.613 persone denunciate, 62 arresti e 561 sequestri. In particolare, risulta terza per numero di incendi in impianti di trattamento, smaltimento e recupero rifiuti, con 146 reati, l’11,3% del totale nazionale.

La regione risulta anche quarta per reati nel ciclo illegale dei rifiuti con 577 delitti il 6,9% del totale nazionale, tra i quali emergono nello specifico il 38,7% di rifiuti industriali e metalli pesanti e il 38,3% di fanghi di depurazione contaminati. Nella graduatoria nazionale, Brescia rientra nelle prime 20 province in Italia per questo tipo di illeciti, al 13° posto con 92 reati accertati.

“La Lombardia continua ad essere sotto attacco della criminalità ambientale” dichiara Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia. “Non si deve assolutamente abbassare la guardia su illeciti che hanno conseguenze potenzialmente devastanti per l’ambiente, soprattutto in questo momento che ingenti risorse pubbliche previste dal Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) stanno arrivando sul territorio.

Va scongiurato in ogni modo il rischio di infiltrazioni ecomafiose nei cantieri, impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili e di riciclo dei rifiuti, depuratori, interventi di rigenerazione urbana, infrastrutture digitali, opere chiave della transizione ecologica. A fronte di una situazione decisamente allarmante, l’auspicio è che un approccio integrato al contrasto dei roghi di rifiuti possa estendersi a tutti i fenomeni di criminalità ambientale: dall’abusivismo edilizio alle aggressioni al patrimonio paesaggistico, dagli illeciti nella filiera agroalimentare al racket degli animali”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti