Ambiente
Commenta

Rivarolo Mantovano all'avanguardia,
cresce forte la biodiversità floreale

Per segnalare l’iniziativa e sensibilizzare la popolazione residente, i giardini e gli spazi pubblici verdi, interessati dall'iniziativa, sono segnalati da idonea cartellonistica appositamente studiata e recante la scritta Giardini delle Api.

Con lo slogan “10 giardini per le api solitarie”, l’amministrazione comunale di Rivarolo Mantovano riafferma il sostegno alla biodiversità floreale che da anni persegue.

La stagione autunnale, apertasi con la semina di essenze erbacee gradite agli insetti impollinatori nei principali giardini pubblici del Capoluogo e della Frazione, prelude alle fioriture primaverili grazie alle abbondanti piogge autunnali che hanno consentito ai semi di germogliare. Il prolungato periodo di siccità, protrattosi fino alla metà di novembre, aveva infatti fatto temere il peggio.

Il così detto miscuglio apistico autunnale, in grado di fornire una fioritura continua da aprile a luglio proprio in virtù della sua composizione bilanciata, è ormai spuntato in tutte le aiuole: 14 tipi di erbe che fioriranno in successione arredando di colori vistosi i giardini e gli spazi pubblici; dal giallo del Meliloto alla viola della Veccia, dalla Lupinella all’Erba medica ai vari tipi di trifoglio e di leguminose presenti. Ne trarranno grande giovamento, a primavera, le popolazioni superstiti degli insetti impollinatori, imenotteri e ditteri in particolare, ma anche coleotteri e lepidotteri, oggi a rischio di estinzione per il tipo di agricoltura intensiva praticata nella pianura.

Per segnalare l’iniziativa e sensibilizzare la popolazione residente, i giardini e gli spazi pubblici verdi, interessati dall’iniziativa, sono segnalati da idonea cartellonistica appositamente studiata e recante la scritta Giardini delle Api.

In particolare, con riferimento ai due centri abitati del Comune, sono state seminate le seguenti 10 aree.

A Rivarolo: i giardini di Via Piave e Via Primo Maggio, tre aree verdi in zona artigianale, le adiacenze dell’incrocio canalizzato di Vicolo del Chiodo e l’aiuola di Via Trieste. A Cividale: i giardini di Via Prati e Via Matteotti, oltre all’area verde adiacente il vialetto di accesso al cimitero e all’ormai storico orto sinergico.

“Con questa azione – dichiara il Sindaco Massimiliano Galli – l’amministrazione intende confermare gli impegni che la dichiarazione di COMUNE AMICO DELLE API, assunta nel 2019, comporta e contribuire, pur con le modeste risorse disponibili, alla costruzione di un mondo ecologicamente sostenibile. Il passo successivo sarà compiuto dal Piano di Governo del Territorio, dove inseriremo norme speciali finalizzate alla tutela della biodiversità floreale”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti