Cronaca
Commenta

Sabbioneta, Aldo Vincenzi si
dimette dopo 17 anni di politica attiva

"Credo di aver sempre lavorato per la collettività, senza secondi fini e sono contento di non aver mai tradito i miei ideali. Adesso mi prendo una pausa, non so quanto lunga; naturalmente continuerò a fare politica da privato cittadino".

Ha deciso di mettersi da parte Aldo Vincenzi. L’ex sindaco di Sabbioneta, dopo 17 anni di partecipazioneattiva alla vita politica della sua città ha deciso di fermarsi. Collaborerà ancora con gli altri membri di partito, ma lo farà dalla seconda linea. Ieri mattina l’ex primo cittadino di Sabbioneta ha spiegato le sue motivazioni in un post sui social. Ha tracciato un veloce bilancio, raccontato di gioie ed accennato a qualche amarezza. Col solito garbo e l’equilibrio che gli va riconosciuto.

Oggi per me – scrive – è un giorno un po’ particolare: questa mattina ho rassegnato le dimissioni da consigliere comunale; dopo quasi 18 anni consecutivi ho deciso di non avere più alcun incarico istituzionale. È una decisione presa da tempo. Chi mi conosce sa che per me la politica ha sempre avuto un ruolo rilevante nella vita: ci sono stati periodi in cui è stata un’attività quasi totalizzante, ma mai una professione, ho cercato sempre di viverla come passione. In questi 17 anni abbondanti ci sono stati giorni splendidi (la vittoria del 2014 alle elezioni, l’inaugurazione del giardino di Vespasiano, le battaglie vinte in opposizione a suon di atti…), incontri con grandi personaggi (ricordo il prof. Veronesi scherzare sulla mia età, l’affabilità di Alberto Angela, il formalismo di ex reali…le tante chiacchierate istruttive e piacevoli con intellettuali e artisti invitati, o passati, a Sabbioneta) e giorni neri da cui ho cercato di imparare; giorni che sono volati leggeri e giorni pesanti, che non terminavano mai, tra fiumi di carte e di parole; al mio fianco i vecchi compagni, militanti da una vita, e gli amici di sempre.

Credo di aver sempre lavorato per la collettività, senza secondi fini e sono contento di non aver mai tradito i miei ideali. Adesso mi prendo una pausa, non so quanto lunga; naturalmente continuerò a fare politica da privato cittadino, da militante di “Sabbioneta in cambiamento” e da iscritto anpi, ma senza più ruoli nelle istituzioni. Rimarrà in consiglio il Tonno, compagno di mille battaglie (Gionata Maffezzoli, ndr), e mi subentrerà Alessandro (Alessandro Rizzi, neo consigliere, ndr), un giovane davvero in gamba”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti