Eventi
I commenti sono chiusiCommenta

Ostiano, la magia del videomapping
e del violino Omobono Stradivari

Una serata d’eccezione a Ostiano, comune al confine tra Cremona e Brescia, che ha festeggiato con la Pro Loco nell’ambito dei mercoledì d’estate. GUARDA IL SERVIZIO TG DI CREMONA 1

Una serata d’eccezione a Ostiano, comune al confine tra Cremona e Brescia, che ha festeggiato con la Pro Loco nell’ambito dei mercoledì d’estate. Un progetto pensato assieme al Gal Oglio Po che ha offerto, come ha fatto in molti altri comuni soprattutto del comprensorio Oglio Po (la chiusura è stata giovedì a Sabbioneta a Palazzo Ducale) lo spettacolo del Videomapping, ossia la narrazione in musica, immagini e parole proiettata su monumenti che divengono così una sorta di grande libro.

La serata di mercoledì in particolare è stata incentrata sulla storia e sul patrimonio artistico del territorio di Ostiano e sulla musica. Per questo a teatro era presente anche uno storico violino Stradivari, che è stato suonato di pomeriggio dal giovane Lorenzo Meraviglia e il cui suono è stato poi diffuso proprio durante lo spettacolo del Videomapping. Si tratta dell’Omobono Stradivari, costruito nel 1730 a quattro mani da Antonio Stradivari e dal figlio Omobono, dal quale prende appunto il nome. Un suono che si è unito a quello del violoncello di Riccardo Marelli. A proposito di musica e arte liutaria, è stata anche aperta la stanza-museo, all’interno del castello, dove è stato ricostruito il laboratorio del liutaio ostianese Pierangelo Balzarini.

Quanto al Videomapping, dopo lo spettacolo di giocoleria e di mangiafuoco che ha sostituito quello degli sbandieratori (assenti a causa del Covid che ha colpito buona parte del gruppo), lo spettacolo visivo è stato molto gradito col sostegno anche del comune che ha posto il ritrovo di fronte al Castello, in Piazza Garibaldi, dopo il percorso dalla Porta Spinata di piazza Cavour. La breve ricostruzione storica, raccontata da un attore che ha interpretato il principe Scipione Gonzaga, Marchese di Ostiano, di un episodio bellico che vide proprio il castello di Ostiano come protagonista, si è affacciata al 1630, convincendo tutti tra musica, effetti visivi e giochi di luce.

G.G.

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.