Commenta

La Regione premia
il progetto “La Bicicletta:
biciclo e riciclo”

santa-chiara_ev

Nella foto, Fondazione Santa Chiara

CASALMAGGIORE – Il 15 gennaio scorso la Giunta Comunale di Casalmaggiore ha aderito e approvato, in qualità di partner, il progetto “La Bicicletta: biciclo e riciclo”, azione pilota contro la dispersione scolastica, candidato dalla Fondazione Santa Chiara come ente capofila. “Con molto piacere – fa sapere l’assessore all’Istruzione Sara Valentini – si riscontra sul BURL la pubblicazione della graduatoria dei progetti presentati a valere sull’avviso pubblico per la selezione di progetti pilota finalizzati alla prevenzione e alla lotta contro la dispersione scolastica ed in particolare si denota che la progettualità “La Bicicletta: biciclo e riciclo” è stata ritenuta ammissibile, dal Nucleo di Valutazione, con un punteggio finale pari ad 87,4 ovvero terzo in Regione Lombardia”.

“Tale risultato – specifica Valentini – è stato reso possibile grazie alla preziosa collaborazione tra l’Istituto Santa Chiara, il Comune di Casalmaggiore, l’Istituto G. Diotti di Casalmaggiore, la competenza del tecnico dell’Ufficio Bandi Lara Cavalli ed i docenti. L’obiettivo, completamente centrato, è stato quello di riuscire a candidare un elaborato qualificante, che ha visto coinvolte molte aziende del territorio, cioè Fabbrica Digitale srl, More srl, Robby Moto Engineering srl, l’Officina Lissandron, Biko, l’ASD Gioca in bici Oglio Po ed il Club Panathon”.

“Il fenomeno della dispersione scolastica – approfondisce Valentini – è un problema vasto e complesso che, anche in una realtà come quella di Casalmaggiore, ha la sua manifestazione, pertanto, attraverso la presente progettualità, si proporrà ai ragazzi a rischio di dispersione o di insuccesso scolastico/formativo, iscritti al secondo e terzo anno della scuola secondaria di primo grado un’esperienza simile a quella lavorativa dove scoprire , attraverso attività laboratoriali, le proprie attitudini e capacità, risvegliare l’interesse e le motivazioni necessarie a proseguire gli studi e, contestualmente avere la possibilità di sperimentare”.

“Le attività – conclude l’assessore – dovranno esser il frutto della collaborazione tra Fondazione Santa Chiara e Istituto Diotti dovranno esser caratterizzate da un approccio fortemente concreto, attraverso laboratori e dovranno consentire ai ragazzi di progettare e costruire  semplici manufatti, ogni attività dovrà quindi prevedere la realizzazione di un prodotto finale”.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

© Riproduzione riservata
Tags,
Commenti