Commenta

Via Corsica, al via demolizione
teatro del parco: si chiude
entro una decina di giorni

“Ci vorranno dieci giorni circa - hanno spiegato gli operai della ditta mantovana - . Entro la fine di questa settimana termineremo l’abbattimento del teatro, poi da lunedì procederemo alla seconda operazione, ossia rimuoveremo la copertura della zona cucine”.
demolizione-via-corsica_ev
Nella foto i lavori di demolizione

CASALMAGGIORE – Escavatore al lavoro presso il parco di via Corsica a Casalmaggiore: gli uomini della ditta Mantovagricoltura di Fossato di Rodigo alle ore 9 di giovedì mattina hanno prima effettuato un sopralluogo, giungendo sul posto dal cancello laterale che si affaccia sull’Asolana, riuscendo ad entrare con l’escavatore grazie anche all’abbattimento di una piccola pianta ai piedi della collinetta che sorge a fianco del teatro. Poi attorno alle 14 del pomeriggio la demolizione del contestato teatro del parco è iniziata ufficialmente.

“Ci vorranno dieci giorni circa – hanno spiegato gli operai della ditta mantovana, incaricata di eseguire il primo lotto dei lavori di riqualificazione voluti dall’amministrazione Bongiovanni per dare nuova vita al parco e, al contempo, risolvere la causa legale (senza più ricorrere al Tribunale) con alcuni residenti di via Pascoli – . Entro la fine di questa settimana termineremo l’abbattimento del teatro, poi da lunedì procederemo alla seconda operazione, ossia rimuoveremo la copertura della zona cucine”.

La causa legale, come noto, risale al 2013, quando alcuni residenti di via Pascoli vinsero in primo grado al Tar e il comune di Casalmaggiore decise di andare in appello. Ora con questa operazione più drastica ma volta soprattutto a riqualificare il parco, il caso è rientrato, anche se rimangono i dubbi (e le polemiche) sull’utilità di una struttura edificata nel 1999 e durata, a conti fatti, meno di vent’anni. La spesa del comune per il primo lotto dei lavori è di 48mila euro complessivi. Le operazioni, stando ai cartelli esposti sulla cancellata che delimita il cantiere, dovrebbero terminare a inizio giugno, ma in questo caso l’indicazione, precisano dal comune, è più che altro prudenziale, ossia è un tempo massimo concesso alla ditta. E’ probabile che, con la Pasqua di mezzo e con le possibili bizze del maltempo, i dieci giorni indicati possano anche divenire quindici o venti strada facendo. Sempre sullo stesso cartello sono indicati i coordinatori per la sicurezza, ossia l’ingegner Enrico Rossi in fase di progettazione e il geometra Daniele Martani in fase di esecuzione.

Come noto, gli operai del comune una decina di giorni fa avevano rimosso le ringhiere in ferro dal teatro, in modo da facilitare i lavori di demolizione, che l’escavatore Hitachi ha iniziato giovedì pomeriggio e completerà nel giro di un paio di giorni di lavoro. Un lavoro rumoroso, ovviamente, che ha richiamato l’attenzione dei frequentatori abituali del parco di via Corsica e del bar che qui si trova.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti