Commenta

Bullismo? Risponde
la scuola: "Episodi
insignificanti ingigantiti"

La scuola in tutte le sue componenti per tanto respinge con forza le accuse di inerzia a fronte di fenomeni di bullismo e cyberbullismo che sono stati invece, e questo è vero e verificabile, affrontati in più incontri con Polizia Postale e Carabinieri.

GAZZUOLO – Risponde l’istituto scolastico alla denuncia pubblicata ieri di ‘presunti’ episodi di bullismo, alcuni dei quali sarebbero stati – secondo la testimonianza della mamma sentita ieri – filmati ed in possesso dei carabinieri.

“Apprendiamo con stupore della pubblicazione di notizie, senza fondamento, riguardo episodi di bullismo all’interno di una scuola del nostro Istituto. Le notizie riportate sono state a suo tempo oggetto di estrema attenzione da parte dei docenti e della dirigente pro tempore. Alla prova dei fatti sono risultate infondate o di portata modesta. Banali conversazioni e episodi insignificanti di ragazzi sono stati ingigantiti ad arte per screditare o criminalizzare qualche soggetto. La scuola si è abbondantemente fatta carico di verificare la realtà degli eventi e nulla di significativo è emerso. Anche la richiesta di intervento ai Carabinieri, ai quali è stata data massima collaborazione, non ha portato, ad ora, a nessuna evidenza a noi nota. Riguardo all’esistenza di video rimarchiamo, con forza, che il corretto uso dei dispositivi come i cellulari passaprima di tutto attraverso l’educazione familiare. I docenti non possono svolgere l’azione di controllo dei telefoni che vengono forniti agli allievi in modo improprio in quanto vietati dal regolamento d’Istituto. La scuola in tutte le sue componenti per tanto respinge con forza le accuse di inerzia a fronte di fenomeni di bullismo e cyberbullismo che sono stati invece, e questo è vero e verificabile, affrontati in più incontri con Polizia Postale e Carabinieri, proprio perché la prevenzione, l’educazione e la collaborazione con le famiglie sono il rimedio migliore a questi fenomeni”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti