Commenta

Lavori in corso a Sabbioneta,
si sfrutta l'assenza di traffico
per la manutenzione delle strade

"Ottimizzazione" sembra essere la parola d'ordine in quel di Sabbioneta con l'amministrazione che cerca di volgere a proprio favore la situazione di quarantena ed anzi sfruttare questo disagio per compiere quegli interventi che con il traffico ordinario sarebbero meno agevoli. 

“Ottimizzazione” sembra essere la parola d’ordine in quel di Sabbioneta con l’amministrazione che cerca di volgere a proprio favore la situazione di quarantena ed anzi sfruttare questo disagio per compiere quegli interventi che con il traffico ordinario sarebbero meno agevoli.

“In questi giorni di Coronavirus – comunica il sindaco Marco Pasquali -, per ragioni di pubblica sicurezza, tutela ambientale, igiene pubblico, il nostro ufficio tecnico e i nostri cantonieri sono al lavoro (Ordinanza 515 di Regione Lombardia).


Si stanno sistemando, approfittando dello scarso traffico, quelle parti di Via Vespasiano, Via Colonna e Via Porta Vittoria che negli ultimi mesi, dopo anni di abbandono, stavano perdendo la tenuta dei sanpietrini nelle zone di curvatura.

I

I cantonieri (dotati di tutti i necessari dispositivi di sicurezza), sempre approfittando delle poche auto in circolazione, stanno pulendo tutti i pozzetti dei tombini del territorio comunale di Sabbioneta. Ovviamente è un lavoro che richiede molto tempo, ma che i cittadini attendevano da anni.

L’ufficio tecnico, sulle indicazioni della amministrazione, sta elaborando il progetto definitivo di messa in sicurezza del territorio, che vedrà investire 50 mila Euro di finanziamento ministeriale per la sicurezza delle nostre strade. I lavori inizieranno non appena le normative in essere per evitare il proliferare del contagio Covid-19 consentiranno l’apertura di nuovi cantieri.

Grazie all’ufficio tecnico, ai cantonieri, all’assessore ai lavori pubblici – conclude il primo cittadino – e a chi continua a segnalarci problemi che prima o poi speriamo di risolvere tutti, uno alla volta”.

Alessandro Soragna

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti