Ultim'ora
Commenta

Nuovo giorno, nuova
polemica viadanese...
E' la volta del PD

Una nuova pagina della polemica sul suolo viadanese è aggiunta dal direttivo della sezione locale del Partito Democratico che aggiunge un nuovo tassello.

Una nuova pagina della polemica sul suolo viadanese è aggiunta dal direttivo della sezione locale del Partito Democratico che aggiunge un nuovo tassello. La dialettica si fa più spigolosa col passare dei giorni e le opposizioni sembrano correre nella stessa direzione definendo “immobile” l’atteggiamento dell’attuale amministrazione puntando dritto verso chi, a livello mediatico, si è esposto maggiormente negli ultimi giorni nel perorare la causa leghista.

“Nelle prossime settimane saremo pronti a prenderci le nostre responsabilità e scelte, ma chiediamo fin da subito che il sindaco e la maggioranza la smettano di prenderci in giro e di raccontare falsità. Entrando nel merito vorremmo replicare alle dichiarazioni del facente funzioni del Sindaco Cavallari e del candidato Sindaco Nicola Cavatorta in merito agli attacchi contro la linea tenuta dall’opposizione nel corso il Consiglio Comunale del 04/05/2020, nel quale la discussione verteva sul bilancio preventivo del comune che è stato redatto e consegnato ai consiglieri a Febbraio basato su proposte pre-covid19 quando non c’erano neanche le avvisaglie di quanto sarebbe successo da li a poco”.

L’attualità verte ancora, come è lecito attendersi, sul consiglio che ha approvato il bilancio, un’onda lunga polemica, su entrambi i fronti, che mantiene intatta la propria forza…

“Come opposizioni abbiamo chiesto di condividere e fare una variazione di bilancio insieme per il bene di Viadana unendo le nostre idee e loro idee, prendersi tutti insieme 10 giorni votare insieme la cosa migliore per Viadana invece secondo loro avremmo dovuto votare un bilancio preventivo che è la conseguenza di 5 anni amministrativi totalmente fallimentari per Viadana, conclusasi con la fuori uscita di 2 persone dalla maggioranza”.

Entrambe le parti lanciano frecciate ed attacchi che puntualmente vengono ribaltati in quanto la precarietà della situazione tende ad aumentare la bagarre in pieno stile campagna elettorale.

“Ci viene da pensare che gli “irresponsabili” e “quelli che non vogliono il bene di Viadana” sono loro, vale a dire questi amministratori o candidati amministratori, “irresponsabili” ed anche incompetenti (l’arroganza dell’incompetenza)”!! Visto che il sindaco facente funzioni che sa benissimo di non avere più la maggioranza, dichiara che invece lui avrebbe aperto alle opposizione ma ci chiediamo quando e Dov’è questa famosa apertura ed impegno da parte della giunta nei confronti di questa emergenza sanitaria ed economica? Ad oggi in due mesi che facciamo proposte e richieste non abbiamo mai ricevuta una risposta, una disponibilità a collaborare, se non una chat che doveva servire per informare e tenere coinvolti i consiglieri comunali ma che invece è sempre silente se non in sporadiche occasioni dove come consiglieri facciamo qualche domanda a cui non sempre riceviamo risposta”.

Il comune di Viadana uno dei più colpiti con un tasso di mortalità esagerato è arrivato sempre in ritardo in tutto rispetto agli altri comuni come nella consegna dei buoni spesa del governo siamo arrivati con 2 settimane di ritardo, con le mascherine siamo arrivati con 2 settimane di ritardo, con la sanificazione ecc

Ora con il solito finto buonismo dichiarano ampia apertura alle opposizioni e fanno proposte (niente ancora di deliberato) che noi opposizioni già da settimane martelliamo in continuazione su questo argomenti.

Lo diciamo fin da subito, non ci stiamo a cadere in questi giochini di facciata frutto di chissà quale interesse politico e del tirare a campare e o si faranno scelte condivise anche ascoltando in toto i suggerimenti delle associazioni di categoria come la proroga al 2021 di tutte le scadenze per il pagamento dei tributi locali riferiti all’anno in corso con contestuale azzeramento dei tributi relativi al primo semestre 2020 e più risorse alle famiglie in difficoltà, la sospensione dei canoni d’affitto per gli immobili comunali commerciali ma anche progettualità legate allo sviluppo di Viadana o noi lo dichiariamo già da oggi,  alla prossima variazione di bilancio voteremo contro perché a questo punto crediamo che serva una radicale svolta politica/amministrativa di ricambio e rinnovamento al fine di dare una vera “scossa” a Viadana”.

Il clima attuale lascia aperta la porta ad una nuova risposta, e prese di posizione che difficilmente ridurranno la propria distanza fino al prossimo passaggio alle urne…

Alessandro Soragna

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti