Politica
Commenta

Sabbioneta, maggioranza fa
quadrato attorno al sindaco

Poi la critica: "Ci si aspetta un atteggiamento diverso da chi solo due anni fa pretendeva di poter rappresentare tutti i sabbionetani. Ci si aspetta presenza e capacità di interfacciarsi con la componente tecnica. Ci si aspetta uno stile differente nell’azione della minoranza". GUARDA IL VIDEO

Durante il consiglio comunale di Sabbioneta di venerdì sera sul bilancio la maggioranza ha fatto quadrato attorno al suo sindaco. Ricordiamo che il consiglio era stato convocato dopo alcune contestazioni di livello tecnico (e legate ad un mancato rispetto del regolamento) sollevate dalle minoranze, che avevano contestato così in particolare l’operato del primo cittadino, il quale ha tenuto per sè la delega al Bilancio.

“Non è in discussione la figura del Sindaco Marco Pasquali, né la compattezza del Gruppo di Sabbioneta Davvero. I tentativi della minoranza di attaccare personalmente e pretestuosamente il Sindaco eletto denotano una incapacità delle minoranze, tutte, di accettare il proprio ruolo all’interno dell’organo di governo dell’ente, quale è il Consiglio Comunale. La loro attività, volta a creare una inaccettabile confusione fra organo di governo politico e organo tecnico di gestione, fa male a tutta Sabbioneta che si vede rallentata nella sua operatività dal pretestuoso e inspiegabile accanimento nei confronti dell’Ente”.

“Importanti iniziative, sostanziali, sono in atto per ricostituire l’organico dell’Ente – hanno spiegato i consiglieri di minoranza in consiglio – provato dai pensionamenti intercorsi fra 2019 e 2020, dagli sforzi della gestione della Pandemia e dagli innumerevoli servizi aggiunti che caratterizzano l’operato della Amministrazione che il gruppo sostiene senza esitazioni e con il massimo impegno. Sono quattro le nuove assunzioni degli ultimi 6 mesi. Ci si aspetta un atteggiamento diverso da chi solo due anni fa pretendeva di poter rappresentare tutti i sabbionetani. Ci si aspetta presenza e capacità di interfacciarsi con la componente tecnica. Ci si aspetta uno stile differente nell’azione della minoranza, oggi improntata solamente alla volontà di controllo assoluta, salvo poi costantemente mancare alle occasioni di confronto proposte dalla Amministrazione (conferenze dei capigruppo o momenti di aggiornamento sulla pandemia).
Ci si aspettava che, chi per esperienza amministrativa decennale, chi per aver lavorato fino a ieri compattamente con la struttura comunale, chi per una storia politica legata alla lotta alla “burocrazia centralista” dimostrasse atteggiamento diverso”.

“Le porte della collaborazione restano aperte – precisa la minoranza – con la consapevolezza che di certo non è utile alla nostra Sabbioneta l’attività di chi, con le sue azioni, cerca di bloccare e penalizzare il lavoro dell’Amministrazione, partendo però da rilievi di forma che nessuna conseguenza arrecano alla nostra Città, e mai facendo proposte, anche politiche, di buon senso nelle sedi deputate a questo, riducendo invece la sede del Consiglio Comunale ad inutili palcoscenici per arringhe burocratiche e procedurali. Il gruppo di Sabbioneta Davvero rinnova compatto l’impegno per Sabbioneta e per le sue frazioni, continuando a lavorare, nonostante la pandemia e le tante difficoltà ad essa collegate, per portare avanti l’importante e ambizioso programma scelto dai sabbionetani quasi due anni fa”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti