Salute
I commenti sono chiusiCommenta

CNC "Il distretto Casalasco-Viadanese?
A noi sembra già su un binario morto"

"Siamo cremonesi, ma prima di tutto siamo cittadini dell'Oglio Po. E di fronte al disinteresse di Cremona, ci chiediamo qual'è la posizione del sindaco, cosa pensa e cosa intende fare".

“Il distretto Casalasco-Viadanese? E’ già su un binario morto. A Cremona sono interessati solo al loro nuovo ospedale e mentre i comuni del Mantovano, grazie al nuovo Direttore Generale Mara Azzi che sta lavorando bene, mantenendo le promesse, stanno procedendo ed ottenendo quello che serve alle loro comunità, Bozzolo, Asola e Viadana vanno avanti, noi siamo fermi”. Non va tanto per il sottile il giudizio di Casalmaggiore la Nostra Casa sulla situazione sociosanitaria del distretto mai nato. Cremona è indietro e il Casalasco Viadanese è solo un nome, senza alcunché di concreto. Tante – inutili – parole al vento.

“Nel mantovano sono già partiti, si stanno strutturando – sottolineano Fabrizio Vappina, Mario Daina e Pierluigi Pasotto – e a noi manca ancora tutto. Basta pensare, per fare un esempio, che i punti vaccinazione nel mantovano per i bambini sotto ai 12 anni sono tre, le famiglie possono recarsi a Bozzolo, Asola o Viadana e noi ce ne dobbiamo andare a Cremona”.

A far scaturire la presa di posizione, espressa in conferenza stampa ieri mattina, lo spostamento dell’Ufficio di Medicina Legale dallo stabile di piazza Garibaldi all’ospedale Oglio Po. “Nella struttura dell’ex Turati il punto prelievi non esiste più ed ora lo spostamento dell’ufficio, spostamento di cui non capiamo la razionalità. Ci chiediamo qual’è la situazione e come intende muoversi il sindaco. Ora che da piazza Garibaldi sono spariti i prelievi e non c’è più l’ufficio legale, ha ancora un senso il contratto tra ASST e Fondazione Busi o verrà ridiscusso?”.

“Siamo cremonesi, ma prima di tutto siamo cittadini dell’Oglio Po. E di fronte al disinteresse di Cremona, ci chiediamo qual’è la posizione del sindaco, cosa pensa e cosa intende fare”.

N.C.

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.