Commenta

Bozzolo, tentata truffa ai danni
di un 72enne, ma i malfattori
se ne vanno senza bottino

Ma gli uomini della municipale Compagnoni li conosce e quello non l'aveva mai visto. A quel punto il pensionato ha detto ai due uomini di andarsene. I malfattori, ormai scoperti, si sono dileguati a bordo di un’autovettura

BOZZOLO – Ha avuto il sangue freddo di non lasciarsi prendere dalla paura e la lucidità di riconoscere che qualcosa non andava in quello che a tutti gli effetti sarebbe dovuto sembrare un normale controllo dell’impianto dell’acqua. Falso il tecnico, e falso l’uomo della polizia municipale intervenuto a rafforzare il tentativo di truffa ai danni di un pensionato.

Cesare Compagnoni, 72 enne del luogo, abita in una via abbastanza centrale. Alla sua porta si è presentato un uomo con una pettorina arancione, qualificandosi come tecnico dell’acquedotto addetto ai controlli.  Compagnoni, dopo aver accompagnato il presunto tecnico nel locale lavanderia, percependo che le operazioni che stava compiendo l’estraneo erano poco chiare, scaltramente riferiva di voler telefonare immediatamente presso il Comando della Polizia Locale, per avere una conferma sulla veridicità del controllo in atto.

Proprio in quel momento il falso tecnico, di sua iniziativa e precedendo l’eventuale chiamata del pensionato, effettuava lui stesso una chiamata con il proprio cellulare ad un complice che, da lì a poco, si presentava nell’abitazione un altro individuo vestito con abiti simili a quelli della Polizia Locale confermando quanto sostenuto dal sedicente ‘tecnico dell’acqua’.

Ma gli uomini della municipale Compagnoni li conosce e quello non l’aveva mai visto. A quel punto il pensionato ha detto ai due uomini di andarsene. I malfattori, ormai scoperti, si sono dileguati a bordo di un’autovettura facendo perdere le loro tracce.

L’anziano, durante la sua esposizione ai Carabinieri della Stazione di Bozzolo, ha elogiato il vademecum, pubblicato sulle testate giornalistiche nonché trasmesso dalle emittenti televisive redatto dal Colonnello Fabio Federici, Comandante Provinciale dei Carabinieri di Mantova, contenente ottimi suggerimenti per potersi difendere dai truffatori.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti