Commenta

Gallera, il giorno della verità:
tutto quello che c'è da sapere
sul consiglio in Auditorium

I Comitati potranno prendere la parola? Nessuna richiesta formale è giunta al tavolo del presidente del consiglio Pierfrancesco Ruberti, dunque la soluzione più probabile è chiedere a uno dei politici che avrà facoltà di parola di farsi portavoce.

CASALMAGGIORE – E’ tutto pronto per il consiglio comunale, che si preannuncia fiume, giovedì sera a Casalmaggiore. In Auditorium Santa Croce unico tema sarà quello della Sanità, con riferimento al Punto Nascite dell’ospedale Oglio Po di Vicomoscano, chiuso dal 31 ottobre 2018. Per questo motivo ci si aspettano molte domande rivolte all’assessore al Welfare Giulio Gallera. Proprio l’assessore regionale sarà il primo a prendere la parola. Dopo di lui i vertici della sanità locale con Giuseppe Rossi per l’Asst di Cremona, Raffaello Stradoni per l’Asst di Mantova, Rosario Canino direttore sanitario sempre per Cremona e ancora Salvatore Mannino, direttore generale di ATS Val Padana e Carolina Maffezzoni della direzione sociosanitaria della stessa ATS.

Subito dopo toccherà al sindaco Filippo Bongiovanni e poi ai vari consiglieri comunali. A seguire avranno facoltà di parola il presidente della Provincia di Cremona Mirko Signoroni, i consiglieri regionali dei vari partiti, un rappresentante per le sigle sindacali e per RSU e infine i sindaci del comprensorio che vorranno intervenire. Sono previsti, avendo dato conferma di presenza, 27 primi cittadini del Casalasco e del Viadanese. Ogni intervento politico avrà una durata massima di 5 minuti, concordata dalla capigruppo: tempistica tassativa, perché il consiglio si preannuncia già molto caldo e lungo, almeno tre ore.

E i Comitati? Protesteranno mezz’ora prima dell’inizio del consiglio, previsto per le 20.30, in modo pacifico, unendo le forze tra Oglio Po e mamme a sostegno della Terapia Intensiva Neonatale di Cremona. Potranno prendere la parola? Nessuna richiesta formale è giunta al tavolo del presidente del consiglio Pierfrancesco Ruberti, dunque le soluzioni sono due: quella più probabile è chiedere a uno dei politici che avrà facoltà di parola di farsi portavoce; la seconda è sperare che possa avanzare un po’ di tempo alla fine del dibattito. Ma senza un accredito ufficiale, è molto complicato che possano esservi strappi alla regola.

Un altro numero significativo è quello dei posti a sedere: 100 in totale dentro l’Auditorium Santa Croce, più un limite fissato a 60-70 per i posti in piedi. Impossibile contenere tutti. Per agevolare l’afflusso, sarà aperto anche il “listone”, ossia la parte centrale di piazza Garibaldi, che farà da parcheggio. A Gallera verrà consegnata una raccolta firme con gli autografi dei cittadini raccolti nel comprensorio in questi mesi, mentre lo streaming in diretta non vi sarà per problemi tecnici (causati dallo spostamento dalla sala consiliare all’Auditorium Santa Croce): ma la seduta sarà interamente registrata e mandata in onda sul sito del comune, subito dopo la sua conclusione.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti