Cronaca
Commenta

Poste Vicobellignano, ecco il pulsante a chiamata per i disabili Poi "eventualmente" altre novità

“La informo - è scritto nella missiva - che sono in corso accertamenti tecnici per verificare la possibilità di ulteriori interventi migliorativi da parte delle competenti strutture aziendali, da attuare eventualmente in futuro”.

VICOBELLIGNANO (CASALMAGGIORE) – A muoversi era stato, in primis, un cittadino, affetto da disabilità e con qualche problema di deambulazione. Aveva denunciato, sostenuto da altri cittadini, la presenza di quei due gradini all’ingresso dell’Ufficio Postale di Vicobellignano. Aveva scritto al sindaco Filippo Bongiovanni, il quale poi a sua volta ha contattato i vertici di Poste Italiane, segnalando la necessità di un investimento per abbattere le barriere architettoniche, dunque di un adeguamento. Certo, sono solo due gradini, dirà qualcuno, ma per chi si muove su una carrozzina o, come nel caso di Max Pasini, il residente di Vicobellignano che ha denunciato per primo, fatica a deambulare, anche due gradini possono essere l’Everest.

La risposta è giunta sul tavolo del sindaco Bongiovanni a firma Leonardo Bilotta di Poste Italiane e qualcosa sembra piano piano muoversi: anzitutto è stato posizionato, finalmente, un pulsante che consente la chiamata al personale interno qualora una persona affetta da disabilità si presenti all’ingresso. Una sorta di tasto a chiamata, appunto, per chiedere aiuto immediato. Nella missiva, però, Bilotta per Poste Italiane assicura la massima disponibilità e attenzione da parte del personale per agevolare l’accesso di tutta la clientela. Non solo: “La informo – è scritto nella missiva – che sono in corso accertamenti tecnici per verificare la possibilità di ulteriori interventi migliorativi da parte delle competenti strutture aziendali, da attuare eventualmente in futuro”.

Quell’avverbio “eventualmente” non lascia propriamente tranquilli, ma la speranza è che quel pulsante, novità dell’ultim’ora, non resti un segnale di miglioramento isolato: sarebbe infatti un forte controsenso la presenza, sacrosanta, di un parcheggio riservato ai disabili, senza però i necessari accorgimenti per consentire anche a loro un facile ingresso all’ufficio postale. In fondo, sono solo due gradini: è così difficile toglierli?

G.G.

© Riproduzione riservata
Commenti